Home

Area Riservata






Password dimenticata?

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission


n° 525 del 2 maggio 2014
lunedì 05 maggio 2014

2 maggio 2014

nr. 525
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

-----

 

Contenuto:

1 - Etiopia: La Croce Rossa aiuta a salvare la vita ai rifugiati del Sudan del sud.
Traduzione non ufficiale di Valentina Ciolino

2 - A Torino la CRI e il Museo del Cinema
19 maggio 2014

3 - Corsi di Storia della Croce Rossa e della Medicina
 
Leggi tutto...
 
n° 524 del 19 aprile 2014
martedì 22 aprile 2014

19 aprile 2014

nr. 524
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

-----

 

Auguri di Buona Pasqua

Per  fare gli AUGURI a tutti i fedeli “follower” del Caffè Dunant questa mattina ho aperto a caso il libro “Da Solferino a Tsoushima” primo volume della Storia del Comitato Internazionale della Croce Rossa di Pierre Boissier, pubblicato a cura di Paolo Vanni e Raimonda Ottaviani, tradotto in italiano da Veronica Grillo, Boris Dubini. La pagina è la 109, l’autore Pierre Boissier scrive:

“Dallo spettacolo scioccante che gli si offriva, Dunant è arrivato a numerose conclusioni. Sono tutte fondate? E’ il momento di porsi la domanda. Dunant afferma da prima che “ l’assembramento negli ospedali non era dovuto ad una cattiva organizzazione o all’imprevidenza dell’Amministrazione , ma era il risultato del numero incredibile e inatteso di soldati feriti ( …)”.

Forse questa è una giustificazione che si poteva fare anche in Crimeadove per la prima volta si era adottata la pallottola conica molto superiore per portata e forza penetrante alla pallottola sferica in uso fino a quel momento. A Sebastopoli, fatto nuovo nella storia militare, si era visto il fuoco della fanteria far arretrare a distanza l’impeto dei soldati più determinati. In Italia, simile sorpresa non era più possibile. Così, per esempio, cinque minuti bastano agli Austriaci per ridurre il 33° di linea ad un terzo del suo effettivo, un’ecatombe, tutta da prevedere.

Dunant pone, in seguito, come principio: “ Il personale delle ambulanze militari è sempre insufficiente e, raddoppiato o triplicato, sarebbe ancora insufficiente e lo sarà sempre”. Ecco un giudizio che la riforma introdotta nell’esercito inglese invalida eloquentemente: è la prova che il Servizio di sanità di un esercito in campagna può rispondere al bisogno; nulla vieta che i medici siano, in proporzione, numerosi almeno come i veterinari!

Su in terzo punto ancora, l’informazione di Dunant è frammentaria. Gettato impreparato “in questi splendidi orrori che si chiamano gloria” ha creduto che il ferro e il fuoco del nemico siano le cause principali delle perdite subite dagli eserciti.  Ciò che ha visto a Castiglione non poteva che dargli questa impressione. Se il caso durante il viaggio l’avesse portato in Toscana avrebbe attraversato degli accantonamenti del 5° corpo che non aveva partecipato all’azione di guerra. Si sarebbe curvato su altri moribondi. Avrebbe saputo che, su 200.000 soldati francesi inviati in Italia, 120.000 erano colpiti da malattie. In due mesi di campagna, 5.000 di loro morirono. Se la guerra si fosse prolungata ancora un po’ non si sarebbe tardato a verificare questa osservazione di Scrive: “Le perdite provocate dalla più micidiale battaglia non uguagliano un quarto delle perdite alle quali gli eserciti sono ordinariamente soggetti”. Il grande flagello, la causa delle sofferenze più numerose non è il nemico, ma la malattia. Ma, perché questa mortalità? Perché l’Intendenza non offre ai soldati il cibo, l’abbigliamento e il materiale d’accampamento necessario. Si intuisce l’indignazione di Dunant apprendendo tutto ciò.

Non è provvidenziale che l’abbia ignorato? Perché, come Florence Nightingale avrebbe senza dubbio capito che spettava all’esercito prendere le misure necessarie per ridurre il numero dei malati. Egli avrebbe compreso che, ugualmente, un certo numero di medici e infermieri, diventava necessario per i feriti. L’idea di creare delle Società private di soccorso forse non gli si sarebbe presentata e né la Croce-Rossa, né la Convenzione di Ginevra avrebbero visto nascere il giorno.”

Pierre Boissier
 
Ringrazio per la collaborazione: Elisa Marrano e Francesco Miracca dela Croce Rossa di Vigevano (PV)

Contenuto:

1 - 26 Marzo 2014
Telefon Kwa Wouj della Croce Rossa raggiunge i due milioni di chiamate in due anni
Traduzione non ufficiale di Valentina Ciolino

2 - 07-04-2014
Il genocidio in Ruanda raccontato da un operatore umanitario francese
Di HéléneSallon
Traduzione non ufficiale di Serena Corniglia

3 - Pubblicazioni
“Da Solferino a Tsoushima” di Pierre Boissier – traduzione italiana
a cura di Paolo Vanni e Raimonda Ottaviani
 

Leggi tutto...
 
n° 523 del 29 marzo 2014
martedì 01 aprile 2014

29 marzo 2014

nr. 523
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

-----

 Photo: Leo Martinez.

 Photo: Leo Martinez.

 

Contenuto:

1 - The Magazine of the International Red Cross and Red Crescent Movement
Indipendenza: non esiste una ricetta unica
di BayarmaaLuntan, Consigliere del Segretario Generale della FICR
Traduzione non ufficiale di Serena Corniglia

2 - 20-03-2014
Niger: due milioni di animali vaccinati
Traduzione non ufficiale di Stefania Notarangelo

3 - 25-03-2014
La Croce Rossa risponde a un’epidemia di Ebola in Guinea
Di Moustapha Diallo, FICR
Traduzione non ufficiale di Serena Corniglia

4 - Tratta di esseri umani: recepita direttiva Ue su prevenzione e repressione
Decreto legislativo 04.03.2014 n° 24 , G.U. 13.03.2014 (Simone Marani)
Comunicatoci da M.Grazia Ianniello
 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Pross. > Fine >>

Annunci

Per avere news su Corsi, Pubblicazioni e Manifestazioni visita la sezione BACHECA del Caffè
 

Iscriviti

 

Totale iscritti: 1016

Scuole al museo

scuole
amici del museo croce rossa castigione stiviere
 
museo-oltre

Progetto editoriale

progetto editoriale

Corso Storia CR

Corso Storia della Croce Rossa e medicina
Convegno SISM e CRI

Climate Center

CRIVIDEO - SEZIONE DIU

Raid Cross

Logo

IIHL

IIHL

Int. Tracing Service

its

Darfur Blog

darfur

Sostieni la CRI

Syndicate

WebStaff

Get Firefox!
© 2017 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.