Home

Area Riservata






Password dimenticata?

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission


We're back, si riparte
sabato 11 novembre 2017
 

We're back, si riparte


Caffe Dunant è nato con lo scopo di diffondere le notizie di Croce Rossa, cercando di creare un'alternativa d'informazione e documentazione maggiormente fruibile. Le prime mail list e poi il sito. Gli unici costi di sempre di Caffe Dunant sono solo quelli del server su cui risiede (50€ annui) e l'impagabile lavoro di volontari. Ma i tempi cambiano, forse ora d'informazione ce n'è molta, ce n'è troppa, dopo 1 anno e mezzo di stop abbiamo pensato a cosa fare del Caffè. Siamo giunti ad un bivio: finire qui e chiudere o rinnovare e ripartire. Abbiamo optato per la seconda possibilità. Ora dobbiamo riorganizzarci e strutturare il sito e la newsletter, e questo prenderà un po' di tempo.  Gli argomenti trattati saranno gli stessi di prima: Storia della Croce Rossa, Diritto Internazionale Umanitario, Principi Fondamentali, Emblemi. Condivideremo notizie ed avvisi di convegni, mostre e corsi sugli stessi argomenti, contando sulla collaborazione di chiunque voglia comunicarci le sue iniziative.

Come prima, il rigore delle fonti verrà seguito in maniera molto stretta.

Ricordiamo la completa autonomia di iscriversi o cancellarsi nella mailing a cliccando il bottone destra della home. Grazie

V.Riva e M.G. Baccolo
 
n° 545 del 18 giugno 2016
sabato 18 giugno 2016

18 giugno 2016

nr. 545

 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

----

Dalla rivista Red Cross Red Crescent”   nr. 2/2015

Costruire fondamenta più solide

Poiché una solida base giuridica è il presupposto per un'azione umanitaria efficace e rigorosa.

Di Eva von Oelreich, Presidente della Croce Rossa Svedese

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

---

Numerose persone che lavorano nel mondo umanitario non si preoccupano delle leggi e dei regolamenti che definiscono e governano le organizzazioni per le quali operano. Essi si impegnano, come volontari o come dipendenti, per aiutare le persone in stato di necessità e non per occuparsi di  testi giuridici.

Ma senza una base giuridica solida, per qualsiasi organizzazione umanitaria sarebbe difficile mantenere un'azione umanitaria efficace e imparziale. Nel caso delle Società Nazionali della Croce e della Mezzaluna Rossa (Società Nazionali), le carte costitutive, i regolamenti e gli statuti solidi e ben progettati  sono essenziali per operare in modo autonomo, rispettare i principi fondamentali e svolgere efficacemente il compito  come ausiliari dei  loro governi.

Queste sono alcune delle ragioni per cui il Movimento è ora impegnato in uno sforzo globale per incoraggiare e assistere le Società Nazionali nell’operazione di aggiornare, rivedere e migliorare le regole e le leggi che regolano e definiscono  il loro ruolo. Non è solo in tempo di catastrofe naturale o di conflitto armato che questi testi sono importanti. Leggi e Statuti  chiari e solidi svolgono un ruolo importante e positivo nella salvaguardia della credibilità pubblica e per garantire in ogni momento la fiducia dei donatori e dei membri.

 

Leggi tutto...
 
n° 544 del 17 marzo 2016
sabato 18 giugno 2016

17 marzo 2016

nr. 544

 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

----

 


Red Cross Red Crescent Magazine -  Morire per cercare una vita migliore
Traduzione non ufficiale di Serena Corniglia

Aprile 2015: una barca con 550 migranti affonda al largo delle coste della Libia. Le persone affogate sono più di 400, mentre solo 150 persone sono state tratte in salvo e portate in un ospedale nel sud dell’Italia. Sei giorni dopo, un altro naufragio al largo delle coste dell’isola di Lampedusa causa la morte di circa 800 persone.

Agosto 2015: due barche con a bordo circa 500 migranti affondano mentre lasciano il porto di Zuwara, in Libia. Lo stesso giorno, viene ritrovato in Austria un camion abbandonato che contiene i corpi di 71 persone provenienti, probabilmente, dalla Siria.

Settembre 2015: la foto di un bambino siriano di tre anni, annegato insieme alla madre e al fratellino di 5 anni mentre cercavano di raggiungere la Grecia in barca dalla Turchia, suscita un’ondata di compassione verso i migranti e i richiedenti asilo.

Questi non sono che alcuni degli eventi più sconvolgenti fra le numerose tragedie che, nel 2015, hanno colpito le persone che speravano di raggiungere l’Europa per trovarvi la sicurezza. Il fenomeno non è nuovo e non riguarda solo il Vecchio Continente. Lo stesso processo è in atto, da lungo tempo, nell’Oceano Indiano e lungo le frontiere terresti in numerose regioni del mondo. Ciononostante, la frequenza e l’ampiezza delle tragedie verificatesi quest’anno nel Mediterraneo hanno contribuito a rendere le migrazioni una questione chiave a livello umanitario, politico ed economico.

Le immagini e i racconti delle sofferenze e delle disillusioni dei migranti hanno provocato allo stesso tempo reazioni umanitarie immediate e severe misure per tenerli fuori dalla “Fortezza Europa”. Si sono così viste centinaia di persone bloccate in una stazione in Ungheria, altre arrampicarsi su recinzioni sormontate da filo spinato in un’enclave spagnola nell’Africa del Nord, uomini che tentavano disperatamente di salire su camion che entravano nel tunnel della Manica o ancora migliaia di persone, con spesso bambini in braccio, in cammino lungo i binari attraverso la Serbia.

Un gran numero di persone sono come la famiglia Samir, che è fuggita dalla Siria e ha viaggiato attraverso l’ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, dove è stata presa in carico, in una tenda sovrappopolata vicino a Gevgelija, da Sandra Ignjatovska, medico della Croce Rossa Macedone. La famiglia aveva appena superato il confine con la Grecia, dopo 20 giorni di viaggio, con partenza da Daraa, nel sud della Siria, con quattro bambini con meno di sei anni.

«Abbiamo passato cinque giorni alla frontiera fra la Siria e la Turchia, dormendo all’aperto, e per tutto il tempo vi sono stati colpi di arma da fuoco isolati sulle colline», racconta Abukushlif Samir, 24 anni, padre di due bambini. Da quel giorno la sua famiglia è stata presa in carico da alcuni volontari nell’attesa di poter prendere un treno diretto in Serbia, a nord. Ha ricevuto cibo, acqua, pannolini e articoli per l’igiene.

«La traversata è stata spaventosa», racconta Abukushlif Samir. «Abbiamo passato sette ore in mare e siamo quasi affondati: eravamo 70 in una piccola imbarcazione che continuava ad imbarcare acqua. La barca che ci seguiva, con 60 persone a bordo, è affondata e tutti i passeggeri, fra cui molti bambini, sono annegati sotto i nostri occhi».

Alla sera la famiglia è partita verso il nord, verso la Serbia e l’Ungheria, con la speranza di trovare dei parenti in Svezia. Circa due terzi delle persone che cercano di raggiungere il nord, dalla Grecia attraverso l’Europa dell’est, sono, come Samir, dei Siriani che fuggono dal conflitto, un fatto che ha portato l’attenzione sulla sorte delle persone che fuggono dagli orrori della guerra.

Con più di 60 conflitti attualmente in corso nel mondo, il numero di persone sfollate ha raggiunto un livello senza precedenti. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati stima che ci siano circa 59.5 milioni di persone sfollate nel mondo, di cui 14 milioni sfollate nel 2014.

Per il Movimento Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa rispondere ai bisogni delle persone sfollate è da molto tempo al cuore della sia missione umanitaria, sia che gli spostamenti siano dovuti a conflitti, catastrofi naturali, cambiamenti climatici, povertà o violenza. Con l’aumento drammatico dei bisogni umanitari, le Società Nazionali che si trovano sulle nuove vie migratorie si sono rapidamente adattate per fronteggiare la situazione.

In parallelo, la FICR e le Società Nazionali, in tutto il mondo, hanno lanciato numerosi appelli d’urgenza, mentre il CICR sostiene le Società Nazionali attraverso servizi come il ristabilimento dei legami famigliari, dando ai migranti la possibilità di cercare i loro prossimi o di raggiungerli al telefono. Nel mese di settembre, il Movimento ha lanciato la campagna «Proteggere l’umanità, fermare l’indifferenza» (#Protégerl’humanité), che chiede a tutti di unirsi all’appello lanciato agli Stati per assicurare ai migranti, lungo tutte le vie migratorie, protezione e dignità.


Tratto dal sito http://www.rcrcmagazine.org/2015/11/perir-en-quete-dune-vie-meilleure/?lang=fr



 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Annunci

GORIZIA 3 febbraio 2018 dalle ore 8,30 alle ore 17,30

Università degli Studi di Trieste sede di GORIZIA

Aula Magna Corso di Laurea Scenze Internazionali e Diplomatiche  Via Alviano 18 Gorizia

Giornata di Studio sul

"Diritto Internazionale Umanitario nel terzo millennio: diplomazia umanitaria e International Disaster Law"

Per informazioni scrivere a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

In allegato pieghevole esplicativo e modulo iscrizione

Comunicato dalla Presidenza CRI Gorizia 

 

PDF
 

Iscriviti

 

Totale iscritti: 1016

Scuole al museo

scuole
amici del museo croce rossa castigione stiviere
 
museo-oltre
Convegno SISM e CRI

Climate Center

CRIVIDEO - SEZIONE DIU

IIHL

IIHL

Int. Tracing Service

its

Darfur Blog

darfur

Sostieni la CRI

Syndicate

WebStaff

Get Firefox!
© 2018 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.