Home

Area Riservata






Password dimenticata?

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission


n° 527 del 16 giugno 2014 Stampa E-mail
lunedì 16 giugno 2014

16 giugno 2014

nr. 527
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it

 

-----

 

Il 15 giugno di 150 anni fa nasceva la Croce Rossa Italiana.

La nascita della Croce Rossa Italiana  è una cosa importante che riguarda tutti gli italiani, non solo quelli che la Croce Rossa l’hanno scelta come stile di vita, come attività, come impegno, ma riguarda anche tutte le persone che vivono su territorio italiano dal 1864 fino ad oggi. Nessuno può dirsi al riparo dal diventare  prima o poi vulnerabile ed avere così bisogno di aiuto, quell’aiuto che  gli operatori della CRI portano in ogni circostanza, in ogni luogo e verso ogni persona.  

Consapevoli dell’importanza storica ed attuale della Croce Rossa Italiana nei suoi 150 anni, ci auguriamo per Lei ancora una vita lunga … lunghissima.

M.Grazia Baccolo

Contenuto:

1 - 150° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DELLA CROCE ROSSA ITALIANA.

Tratto da: “Storia della Croce Rossa Italiana dalla nascita al 1914” Edito da Franco Angeli  I.Saggi,  a cura di Costantino Cipolla e Paolo Vanni pag.814 -815 1 -     150° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DELLA CROCE ROSSA ITALIANA.

Tratto da: “Storia della Croce Rossa Italiana dalla nascita al 1914” Edito da Franco Angeli  I.Saggi,  a cura di Costantino Cipolla e Paolo Vanni pag.814 -815


Citazione del Prof. Paolo Vanni: " senza date e senza fatti non è possibile fare nessuna storia!"

 

“Il 15 giugno 1864 nasce ufficialmente il Comitato milanese dell’Associazione italiana di soccorso per i militari feriti e malati in tempo di guerra: era nata la futura C.R.I.! Il re Vittorio Emanuele II ne è l’augusto protettore ed il principe Umberto il Presidente onorario. Secondo l’articolo 1 delle sue Basi di regolamento esso ha lo scopo di “soccorrere i feriti e i malati militari, e di secondare in ogni modo il servizio di sanità militare delle armate in tempo di guerra”. Secondo l’articolo 14 in tempo di pace ci si deve preparare al tempo di guerra. Questi sono i due articoli riassuntivi. La neutralità del ferito in guerra era già stata sostenuta con l’esempio e la parola dal dottor Ferdinando Palasciano  dall’assedio di Messina del 1848  e poi davanti all’Accademia Pontaniana di Napoli…..

La crudezza della guerra e l’avvento di armi sempre più moderne, associate all’inutilità di una morte ingloriosa  a causa della mancanza di cure  e del necessario per sopravvivere erano di sicuro già note  a tutti i medici militari da qualche secolo. Ed è per questo  che al Congresso di statistica di Berlino del settembre 1863 l’amico di Dunant, dottor Basting, strappa l’applauso  dei medici militari presenti parlando di neutralità per il ferito, per le strutture e le persone tutte che lo assistono.

8-22 agosto 1864: Conferenza diplomatica di Ginevra detta della Convenzione  per migliorare la sorte dei militari feriti degli eserciti in campagna. Sono presenti sedici Stati, di cui dodici hanno munito i loro delegati del potere di firmare il trattato: Baden, Belgio, Danimarca, Spagna, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Gran ducato di Hesse-Darmstadt, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Prussia, Sassonia, Svezia-Norvegia, Svizzera, Wurttemberg. Quattro paesi con loro rammarico non potranno partecipare alla negoziazione per ragioni pratiche: Brasile, Grecia, Messico e Turchia.  Il Re d’Italia Vittorio Emanuele II è rappresentato ufficialmente dal Console italiano a Ginevra Giovanni Capello e dal medico divisionario  cavalier dottor  Felice Baroffio, entrambi cavalieri dell’ordine dei santi Maurizio e Lazzaro. Il dottor Cesare Castiglione riporta nel suo rendiconto morale  ed economico del 25 novembre 1866, di aver partecipato e aver avuto l’onore della parola, a titolo personale, per spiegare cosa si era fatto in Italia….

4 dicembre 1864:dopo la Francia, la Svizzera, il Belgio, l’Olanda, tocca all’Italia ratificare ufficialmente la propria adesione alla Convenzione di Ginevra. La prima Italia unita del 1861 è dunque il quinto Stato sovrano in assoluto.

11 dicembre 1864: … si svolge l’adunanza del Comitato milanese della Associazione Italiana di soccorso per i militari feriti e malati in tempo di guerra: viene approvato il primo regolamento e si comunica che altri Comitati dell’Associazione Medica Italiana hanno risposto all’appello del 15 giugno. Vengono riportati i Comitati di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Ferrara, Firenze, Monza, Torino ed altri fino ad arrivare ad una quindicina. Il Comitato milanese si divide in 4 sezioni ciascuna con una diversa funzione: I° raccolta di mezzi, II° raccolta di oggetti, III° cura della conservazione degli stessi, IV° preparazione del personale medico ed infermieristico (le squadriglie di assistenza). Forse questo è l’embrione di quello che sarà il Corpo militare della CRI. Le Signore non partecipano alla 4° sezione.

Ringrazio per la collaborazione Laura Grassi Referente Area 4 CRI Aosta

Maria Grazia
 
< Prec.   Pros. >

Annunci

GORIZIA 3 febbraio 2018 dalle ore 8,30 alle ore 17,30

Università degli Studi di Trieste sede di GORIZIA

Aula Magna Corso di Laurea Scenze Internazionali e Diplomatiche  Via Alviano 18 Gorizia

Giornata di Studio sul

"Diritto Internazionale Umanitario nel terzo millennio: diplomazia umanitaria e International Disaster Law"

Per informazioni scrivere a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

In allegato pieghevole esplicativo e modulo iscrizione

Comunicato dalla Presidenza CRI Gorizia 

 

PDF
 

Iscriviti

 

Totale iscritti: 1016

Scuole al museo

scuole
amici del museo croce rossa castigione stiviere
 
museo-oltre
Convegno SISM e CRI

Climate Center

CRIVIDEO - SEZIONE DIU

IIHL

IIHL

Int. Tracing Service

its

Darfur Blog

darfur

Sostieni la CRI

Syndicate

WebStaff

Get Firefox!
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.