Home

Area Riservata






Password dimenticata?

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission


n° 446 del 16 dicembre 2010 Stampa E-mail
mercoledì 22 dicembre 2010

22 dicembre 2010

nr. 446
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it


----------------------------------------------------------------------------------
 
 http://www.caffedunant.it
Nota  augurale

"Si avvicina la chiusura di questo anno, fra pochi giorni lo metteremo nell’album dei nostri ricordi.

L’attività del Caffè è stata abbastanza buona, questi  i numeri: 10 sono stati i collaboratori (nove traduttori e un tecnico Webaster, il migliore) che hanno fatto attività traducendo da un minimo di 1 a un massimo di 37 testi,130 gli articoli (traduzioni e articoli redatti) e 41 numeri usciti della newsletter.  Lavoro soddisfacente direi, Grazie a chi si è impegnato gratuitamente a lavorare per informare gli “abbonati” del Caffè e per chi visita regolarmente il suo sito web.

Per inviare gli auguri per le prissime Festivirà a tutti voi, affezionati lettori del Caffè,  ho pensato di “pescare”  dal libro “Mosaico afgano” di Alberto Cairo,  edito da Einaudi (2010).

A pag. 26 Alberto racconta di un episodio accaduto nei primi anni ’90, poche righe prima  tragiche, poi simpatiche e con finale amaro a cui vorrei dare un titolo “Alberto sulle punte”:

 “una bomba colpì un autobus nel quartiere di Alauddin, presso l’ambasciata russa, non lontano da Karte Seh. Stavo nel reparto di fisioterapia quando i feriti cominciarono ad arrivare su ogni genere di veicoli, i meno gravi persino in motocicletta. Nei casi di grande afflusso, all’accettazione scttava il <triage>. I feriti venivano esaminati e divisi: quelli da operare subito, quelli che potevano aspettare, quelli senza speranza. La prima volta mi era sembrato una pratica crudele. Perché non aiutare tutti? Ricordo un uomo con una profonda ferita al viso – occhi, naso e mezza fronte saltati via, ma vivo e capace di mormorare parole confuse. (….)  L’uomo morì mezz’ora più tardi. Aiutare casi impossibili rubava tempo per i gravi ma salvabili.”  (….)

“Con l’ospedale strapieno si lavorava senza badare a orari e turni, con i visi vieppiù tirati, occhiaie profonde.  Chirurghi e infermieri uscivano stremati dalla camera operatoria per tornarvi dopo pochissime ore di sonno. Ma appena l’emergenza finiva si volevano scordare gli orrori, facendo festa con cene tranquille o grandi serate. Le più fastose, con spettacolo, erano i balli al Bagh-e-Balà, un ristorante con piscina, un tempo residenza estiva dell’emiro Abdur Rahman. In canottiera, tutù e scarponi, partecipai alla parodia del lago dei cigni accando a solidissimi sminatori australiani, addirittura più maldestri di me. Un giornale canadese pubblicò una foto del corpo di ballo accompagnata da un commento: mentre a Kabul la gente soffre, la comunità straniera si dà a pazze feste. Conservo la foto. L’incasso della serata, una considerevole cifra, venne devoluta all’orfanatrofio. “

In via privata, in merito a questo testo, ha aggiunto ” Sulle punte proprio non eravamo, indossando scarpe e scarponi, ma avevamo provato e riprovato i passi per essere in sincronia.  I tutù erano fatti di tulle  (quello delle bomboniere). Per renderli credibili ne avevamo quattro "strati" riempiti di piccole piume che cadevano ad ogni salto. Decisamente il più alto momento artistico della mia vita.” 

Su questa bellissima immagine di Alberto “danzante” la redazione tutta del Caffè porge ai Lettori tantissimi auguri per un Buonissimo Natale ed un Felicissimo Anno Nuovo…. Oltre a sperarci bisogna crederci fermamente, nonostante tutto. A rileggerci nel 2011.

M.Grazia Baccolo
"
 
 
Contenuto:

1 - 17-12-2010 Comunicato stampa 10/232
Costa d'Avorio: il CICR invita tutte le parti a rispettare i principi umanitari
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

2 - 17 dicembre 2010  CICR news  nr. 10/231
CICR:  eletto nuovo membro
Traduzione di M.Grazia Baccolo

3 - 17-12-2010 Comunicato stampa 10/230
Sri Lanka: 2.400 peacekeepers informati sul Diritto Umanitario nel 2010
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

4 - 21 dicembre 2010
“Custode di un tesoro”
Di M.Grazia Baccolo

5 - 15 dicembre 2010
Un rapporto della Croce Rossa richiede il rafforzamento delle leggi per facilitare in Europa la cooperazione in caso di disastri.
Comunicato stampa del FICR
Traduzione non ufficiale di Elena Delise

6 - 21 dicembre 2010
Corso di D.I.U. che si terrà in lingua inglese presso ISPI a Milano
comunicato da Elena Delise

7 - Circolare nr 84613/10 del 16.12.2010
CRI – Il Direttore Generale
Disciplina gestione archivi CRI
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

1 - 17-12-2010 Comunicato stampa 10/232
Costa d'Avorio: il CICR invita tutte le parti a rispettare i principi umanitari
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) è estremamente preoccupato per la violenza che è scoppiata in Costa d'Avorio dopo il secondo turno delle elezioni presidenziali. Molte persone sono state uccise e molte ferite durante i violenti scontri violenti in diverse città.

Il CICR invita tutte le persone coinvolte in tali scontri a rispettare i fondamentali principi umanitari. Le persone non devono essere uccise o ferite, e la loro dignità deve essere rispettata. In particolare, il CICR sottolinea che le forze di sicurezza devono usare la forza per il mantenimento dell'ordine solo quando è assolutamente necessario e solo in misura proporzionata.

Il CICR invita i manifestanti e tutte le forze a rispettare e proteggere i feriti, il personale medico, le strutture sanitarie e qualsiasi veicolo utilizzato come ambulanza. Il personale sanitario, in particolare i volontari della Società della Croce Rossa della Costa d'Avorio, devono essere in grado di prestare aiuto senza ostacoli.

"Tutti devono rispettare i volontari della Croce Rossa e permettere loro di lavorare in sicurezza, in modo che i feriti e i vulnerabili possano ricevere la cura e l'assistenza di cui hanno bisogno", ha affermato Dominique Liengme, capo della delegazione regionale del CICR a Abidjan.

Dal 26 novembre, i volontari della Croce Rossa supportati dal CICR hanno trattato quasi 550 persone, di cui 250 casi gravi sono stati evacuati al centro medico più vicino.

Per ulteriori informazioni, contattare:
Kelnor Panglungtshang, Abidjan CICR, tel: 225 09 399 404
Steven Anderson, CICR Ginevra, tel: 41 22 730 20 11 o 41 79 536 92 50

Tratto dal sito web del CICR al link:
http://www.icrc.org/eng/resources/documents/news-release/2010/cote-d-ivoire-news-2010-12-17.htm

Tra

N.D.R.
(AGI) 16:20 18 DIC 2010 – Abidjan - Il presidente uscente della Costa d'Avorio, Laurent Gbagbo, ha ordinato ai peacekeeper Onu e francesi di lasciare il Paese. Gbagbo, attraverso la sua portavoce, Jacqueline Oble, ha accusato le truppe di pace di sostenere i ribelli fedeli al suo rivale Alassane Ouattara, unico riconosciuto dalla comunita' internazionale come vincitore delle elezioni presidenziali del novembre scorso .

- 19.12.2010 Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha respinto seccamente la minacciosa richiesta rivolta alla missione Onu da Laurent Gbagbo.

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

2 - 17 dicembre 2010  - CICR news  nr. 10/231
CICR:  eletto nuovo membro
Traduzione di M.Grazia Baccolo

Ginevra (CICR) – nella sua riunione del 16 dicembre, l’Assemblea del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) ha co-optato Jürg Kesselring come nuovo membro. Questo porta il numero dei membri dell’Assemblea a 15.

Il Professor Kesselring è capo del dipartimento di riabilitazione della città svizzera di Valens e ha una cattedra all’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia a Zurigo e anche all’Università di Berna.  E’ stato delegato medico  in missione per il  CICR   dal 1978 al 1982.

Il Professor Kesselring assumerà l’incarico dal 1 gennaio 2011.

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

3 - 17-12-2010 Comunicato stampa 10/230
Sri Lanka: 2.400 peacekeepers informati sul Diritto Umanitario nel 2010
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

Colombo (CICR) - Oltre 2.400 tra personale dell’Esercito, Marina e Forza aerea impiegati in operazioni a sostegno della pace in Chad, ad Haiti e in Libano hanno preso parte ad otto briefing sul Diritto Internazionale Umanitario condotti quest'anno dal Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR).

"Come parte del suo mandato universale, il CICR collabora con gli Stati di tutto il mondo per sostenere i loro sforzi volti a promuovere la conoscenza e il rispetto del Diritto Internazionale Umanitario", ha detto Peter Evans, responsabile delle forze armate e di sicurezza per il CICR in Sri Lanka. "I briefing prima del dispiegamento in campo consentono ai peacekeepers di capire i loro obblighi di diritto internazionale applicabili in situazioni di violenza. Cogliamo anche l'occasione per fornire loro un aggiornamento particolare sulla situazione umanitaria e sulle operazioni umanitarie del CICR in corso nella loro specifica area di missione."

Su richiesta dell’Esercito dello Sri Lanka, l'ultima sessione dell'anno è stata tenuta per il personale militare che sta svolgendo un'operazione delle N.U. di sostegno per la pace ad Haiti. Trentadue ufficiali e altro personale (352 persone) hanno preso parte al programma presso l'Istituto di Formazione sul Sostegno alle Operazioni di Pace dello Sri Lanka a Kukuleganga il 30 novembre.

Il CICR ha condotto briefings sul Diritto Internazionale Umanitario al personale delle Forze armate dello Sri Lanka impegnate nella partecipazione alle operazioni a sostegno della pace delle Nazioni Unite sin dal 2005. Il programma continua nel 2011.

Il CICR è un'organizzazione umanitaria indipendente e neutrale, riconosciuta da tutti gli Stati con il compito di diffondere la conoscenza del Diritto Internazionale Umanitario.

Per ulteriori informazioni, contattare:
Sarasi Wijeratne, Colombo CICR, tel: 94 11 250 33 46 o 94 773 1588 44
Christian Cardon, CICR Ginevra, tel: 41 22 730 24 26 o 41 79 251 93 02

Tratto dal sito web del CICR al link:
http://www.icrc.org/eng/resources/documents/news-release/2010/sri-lanka-news-2010-12-17.htm

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

4 - 21 dicembre 2010
“Custode di un tesoro”
Di M.Grazia Baccolo

Dopo quasi 20 anni di servizio il Custode del Museo Internazionale della Croce Rossa , Maurizio Zanini (all’anagrafe Roberto Maurizio ma da tutti chiamato solo Maurizio)  va in pensione.  Che dire di lui? Del suo lavoro in questi  lunghi  anni?  La prima cosa che mi viene in mente  è prendere in mano e sfogliare i libri degli ospiti sul quale, in questi anni,  i visitatori del Museo firmano lasciando scritto qualcosa, per capire la stima, la gratitudine e la riconoscenza che tutti gli esprimono.

Poi bisogna camminare nelle sale per vedere, ma ancor più , capire “come” Maurizio tenga al Palazzo Triulzi Longhi di via Garibaldi 50.

Magari sarebbe buono essersi resi  invisibili e averlo seguito nelle visite ai ragazzi delle scuole o ai gruppi di adulti che lui accompagna e coinvolge  “raccontando” la nostra storia a chi non la sa. Vedere cambiare l’espressione dei loro visi, da “attesa” a “scoperta” e “meraviglia” fino ad arrivare a “soddisfatta e contenta” alla fine, per avere imparato qualcosa di più.

Sarebbe stata ottima idea  mettersi dietro l’angolo per curiosare su come Maurizio accoglieva i visitatori. La prima cosa è  il classico “Buon giorno, benvenuti, prego prego … entrate”  subito seguito da  “da dove venite?”  e qui Maurizio trovava sempre, e sottolineo sempre,  qualcosa  che li metteva subito in contatto: , montagne, fossili, conoscenze comuni , luoghi visti …… ed ecco che, finito il giro,  si trovavano quasi parenti! … Eh si! Ha un bel modo Maurizio per far sentire a proprio agio i visitatori del Museo.

E ancora vederlo d’estate prendersi cura del giardino, innaffiarlo o piantare le piantine fiorite a primavera…..a proposito……  bisognerà ricordarsi di potare bene, con un taglio quasi radicale, la meravigliosa ortensia….

Basta vedere la pulizia delle sale, dal pavimento alle vetrine, al soffitto  (senza una ragnatela  J  )…..  non per dire ma …..  sono più di 1.300 i mq. la superficie di Palazzo Triulzi Longhi !!!!

Nessun “non è di mia competenza” è mai stato tirato in ballo, cosciente di essere membro di una piccolissima squadra  dove serviva essere disponibili e fare un po’ tutto,  ha lavorato così Maurizio, mettendoci tutta la passione che sentiva.

Ora lui dice la parola “basta”, questo tesoro, ereditato dal primo e mitico custode Remo Ferlenga,  lo lascia a qualcun altro sperando che lo trattino bene come lo ha trattato lui. Ora lui si prende tutto il suo tempo per fare  quello che più gli piace, quello che più gli interessa. A noi non resta altro che dirgli un semplice “grazie” seguito da “ vienici a trovare quando vuoi, il Museo resterà sempre casa tua”.

PS: Chi volesse scrivere a Maurizio un pensiero può farlo mandando una risposta alla e-mail del Caffè Dunant oppure via posta al Museo Internazionale della Croce Rossa Via Garibaldi 50 46043 Castiglione delle Stiviere (MN) alla sua attenzione.

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

5 - 15 dicembre 2010
Un rapporto della Croce Rossa richiede il rafforzamento delle leggi per facilitare in Europa la cooperazione in caso di disastri.
Comunicato stampa del FICR
Traduzione non ufficiale di Elena Delise

La Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezza luna Rossa (FICR), ha emanato oggi un rapporto per fare un appello agli Stati membri dell'Unione Europea affinché rafforzino le leggi nazionali ed europee per garantire un facile accesso all'assistenza transfrontaliera in caso di grave catastrofe. “Molti stati membri dell'Unione Europea pensano che l'assistenza ai disastri sia qualcosa che essi devono fornire ad altri”, sottolinea Anitta Underlin, Direttore dell'ufficio del FICR per l'Europa, “ma i cambiamenti climatici stanno cambiando le tipologie di disastro, e i paesi membri devono prendere in considerazione la possibilità che nel futuro anche loro stessi potrebbero chiedere un aiuto esterno per l'assistenza in caso di disastro”.

Il rapporto è giunto a termine dopo uno studio di due anni condotto dal FICR e dalle Società Nazionali di: Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Olanda e Regno Unito, con il supporto della Commissione Europea. Lo studio ha esaminato le normative comunitarie e le leggi in vigore nei sei stati oggetto dello studio, al fine di valutare come essi possano affrontare le questioni chiave relative all'assistenza internazionale in caso di disastro, basandosi sulle linee guida adottate nel 2007 dagli Stati aderenti alla Convenzione di Ginevra.

Lo studio ha mostrato che per molti aspetti, le normative dell'Unione Europea sulla circolazione delle merci e delle persone, le tradizioni degli stati membri e gli accordi bilaterali, limitano notevolmente la possibilità che si verifichino ostacoli burocratici alle operazioni di soccorso. Tuttavia restano ancora alcune difficoltà. “Ad alcuni stati membri mancano le procedure per facilitare e regolare l'assistenza transfrontaliera da parte delle istituzioni della società civile”, osserva Elise Baudot-Queguiner, consigliere legale del FICR, “attualmente alcune istituzioni come le Società Nazionali di Croce Rossa, hanno esperienza, competenze e risorse materiali che possono essere molto utili in situazioni di emergenza”.

Un ulteriore problema riguarda il riconoscimento delle credenziali per il personale medico straniero. “Senza un processo di riconoscimento veloce riguardo le loro qualifiche, medici e infermieri potrebbero essere preclusi dall'aiuto in caso di futuri disastri”, aggiunge Baudot-Queguiner. Sebbene ci siano delle normative europee in materia, esse non riguardano il processo di riconoscimento delle credenziali in situazioni di emergenza. Altre carenze, identificate dagli autori dello studio, riguardano le ambiguità su questioni di responsabilità e del pagamento delle tasse, come pure le questioni relative alle operazioni di sdoganamento e di assistenza visti per gli aiuti che arrivano al di fuori dell'Unione Europea.

Basandosi in parte sui risultati dello studio, la presidenza belga dell'Unione Europea ha invitato la Commissione e gli stati membri ad impegnarsi più attivamente nella formulazione di procedure che disciplinano il “sostegno della nazione ospite" in situazioni di disastro. In seguito a colloqui formali con il gruppo di lavoro della protezione civile, la proposta della presidenza belga sulle conclusioni del Consiglio riguardo il “sostegno della nazione ospite” è stato adottato il 2 Dicembre 2010 da parte del Consiglio giustizia e affari interni.

“Siamo molto soddisfatti che la presidenza belga abbia utilizzato il nostro lavoro, e siamo felici di offrire il nostro supporto agli stati membri nel rafforzamento della loro preparazione in questo campo”, ha commentato la Underlin.

Il rapporto è stato lanciato oggi a Bruxelles nel quadro di una riunione di lavoro organizzata dal Centro di politica europea, con la partecipazione di Pietro Zangl, direttore generale della Commissione europea per gli aiuti umanitari e di protezione civile (DG ECHO), Elise Baudot-Queguiner, consigliere del FICR, Jerome Glorie, direttore generale della Direzione Generale della Protezione Civile, e Johannes Richert, responsabile dei servizi internazionali e assistenza nazionale per la Croce Rossa tedesca.

Per ulteriori informazioni contattare:

Flaminia Gallo Head of Disaster Management Red Cross European Union Office +32 22 350 914 / + 32 491 488 108 Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Titolo originale: Report calls for stronger laws to facilitate disaster cooperation in Europe
http://www.ifrc.org/docs/news/pr10/7910.asp

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

6 - 21 dicembre 2010

Riceviamo la comunicazione da Elena Delise di un corso di D.I.U. che si terrà in lingua inglese (per questo non lo abbiamo tradotto) presso ISPI a Milano, molto volentieri lo rilanciamo.

We are pleased to inform you that ISPI is planning the second edition of the Advanced Diploma in “International Humanitarian Law and Peace Operations”, intended for members of the armed forces, young and mid-career professionals of international organizations directly involved in peace operations and those who have an academic and legal expertise in humanitarian law or peace operations.

The Advanced Diploma, organised in cooperation with the International Institute of Humanitarian Law, is also open to those who have successfully completed an ISPI Diploma in “Emergencies and Humanitarian Interventions” or those who have attended seminars at the International Institute of Humanitarian Law.

Special attention will be given to theoretical and practical aspects of the complex scenarios of peace operations.

The Advanced Diploma consists of five courses, three residential (from 31st January to 5th February 2011 at ISPI, via Clerici 5, Milan, Italy) and two distance learning courses.

All classes will be held in English.

For further information, please visit our website (www.ispionline.it) or contact Valeria Sciacovelli ( Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo ).

Best regards,
ISPI School

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

7 - Circolare nr 84613/10 del 16.12.2010
CRI – Il Direttore Generale
Disciplina gestione archivi CRI

E’ stata pubblicata una importante circolare sulla protezione del patrimonio storico di ogni Comitato della Croce Rossa Italiana , la si può leggere e scaricare al link http://www.caffedunant.it/articoli/2010/446/Archivio.pdf

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
 
< Prec.   Pros. >

Annunci

GORIZIA 3 febbraio 2018 dalle ore 8,30 alle ore 17,30

Università degli Studi di Trieste sede di GORIZIA

Aula Magna Corso di Laurea Scenze Internazionali e Diplomatiche  Via Alviano 18 Gorizia

Giornata di Studio sul

"Diritto Internazionale Umanitario nel terzo millennio: diplomazia umanitaria e International Disaster Law"

Per informazioni scrivere a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

In allegato pieghevole esplicativo e modulo iscrizione

Comunicato dalla Presidenza CRI Gorizia 

 

PDF
 

Iscriviti

 

Totale iscritti: 1016

Scuole al museo

scuole
amici del museo croce rossa castigione stiviere
 
museo-oltre
Convegno SISM e CRI

Climate Center

CRIVIDEO - SEZIONE DIU

IIHL

IIHL

Int. Tracing Service

its

Darfur Blog

darfur

Sostieni la CRI

Syndicate

WebStaff

Get Firefox!
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.