Home

Area Riservata






Password dimenticata?

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission


n° 355 del 3 maggio 2008 Stampa E-mail
lunedì 05 maggio 2008
3 maggio 2008
nr. 355
 
Notiziario

Sito web www.caffedunant.it


----------------------------------------------------------------------------------
 

Contenuto:

1 - 30 Aprile 08 Dichiarazione
“Cerimonia di apertura degli archivi del Servizio Internazionale delle ricerche di Bad Arolsen”
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

2 - 22 Aprile 2008   Dal Sito della federazione Internazionale
I Prezzi dei prodotti alimentari: l’incubo dell’Africa
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

3 - 10/04/08 - Comunicato Stampa
La Federazione Internazionale lancia una nuova strategia quinquennale per la sicurezza alimentare in Africa, concentrata sugli investimenti a lungo termine
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

4 - Dal Sito www.cri.it
La CRI eletta all'European Red Cross/Red Crescent Youth Cordination Committee
 30-04-2008

5 - « Sarà al Memoriale  l’8 maggio più emozionante »
Solferino la sera dell’8 maggio 2008
di M.Grazia Baccolo

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

1 - 30-04-08 Dichiarazione
“Cerimonia di apertura degli archivi del Servizio Internazionale delle ricerche di Bad Arolsen”
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

Il Servizio internazionale delle ricerche a Bad Arolsen (Germania) contiene oltre 50 milioni di documenti sulla persecuzione, sfruttamento e lo sterminio di milioni di civili dai nazisti. L’apertura recente degli archivi alla ricerca storica è stata oggi sottolineata da una cerimonia organizzata a Bad Arolsen. Il Vice presidente del CICR, Christine Beerli, ha fatto la seguente dichiarazione davanti ai giornalisti.

<In qualità di  organismo che ha la direzione e l’amministrazione del Servizio delle ricerche (SIR), il CICR ha portato vivo interesse al processo di apertura degli archivi del SIR per ricerche storiche e a trasferire copie digitalizzate di questi documenti ai membri della Commissione internazionale. Il SIR è governato dalla Commissione internazionale per il Servizio Internazionale delle Ricerche  (composta da 11 paesi Germania, Belgio, USA, Gran Bretagna, Grecia, Francia, Israele, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Pologna) secondo gli Accordi di Bonn e i loro Protocolli del 2006. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) assume la direzione e l’amministrazione del Servizio internazionale delle ricerche col nome di CI/SIR.


Siamo molto soddisfatti degli sviluppi attuali. Nel corso degli ultimi 18 mesi, gli Stati membri della Commissione internazionale, il CICR, il governo Tedesco e il SIR hanno effettuato insieme un grande passo avanti.
Il CICR fa tutto quanto possibile per promuovere un progresso costante e rapido nella digitalizzazione dei documenti al SIR, poiché questo processo è essenziale per lo scambio di dati stabilito da un comune accordo fra gli Stati membri della Commissione. Inoltre ci vogliamo assicurare che il SIR sia all’altezza di cogliere le sfide legate all’apertura degli archivi. E’ una questione di organizzazione interna ma si tratta di fornire un accesso più efficace ai documenti per mezzo  dell’estensione del sistema di catalogazione.
Non c’è alcun dubbio che il valore eccezionale dei documenti  storici di  Bad Arolsen sarà a disposizione del grande pubblico. Non so se riesco personalmente a sottolineare la grandissima l’importanza di questo avvenimento, perché è necessario che la memoria degli orrori della Seconda Guerra mondiale resti viva. Noi lo dobbiamo, e la Germania e l’Europa lo devono, alle vittime dell’Olocausto, ai loro discendenti, a tutte le generazioni future, che devono trarre lezioni dagli avvenimenti del passato.
Nel corso degli ultimi 60 anni, il SIR ha fornito servizi importanti ai sopravvissuti del regime nazista e ai discendenti delle vittime. Ha contribuito a chiarire e a documentare a sorte delle vittime, così come registrare questi fatti per i posteri. Con l’apertura degli archivi alla ricerca storica, questo lavoro sarà così iniziato. In effetti ora, sarà portato ad un altro livello e sarà rinforzato.
Per il CICR, questo nuovo compito e la diminuzione progressiva dei problemi di ordine umanitario particolari trattati dal SIR solleva la questione del ruolo che l’istituzione è chiamata ad avere in seno del Servizio. Nel 1955, gli Alleati hanno domandato al CICR, istituzione indipendente e neutrale, di farsi carico della direzione e dell’amministrazione del SIR. E’ venuto ora il tempo per pensare a nuove forme di direzione e di amministrazione per una istituzione il cui settore di attività è stato allargato.
Al CICR aspiriamo a una più grande autonomia del SIR. Prepariamo l’istituzione a raccogliere le nuove sfide e ci interessiamo attivamente alle delibere che la Commissione internazionale farà nel suo avvenire. >
Le versioni originali francese ed inglese da cui deriva questa traduzione sono ai links
http://www.icrc.org/web/fre/sitefre0.nsf/htmlall/int-tracing-service-statement-300408
http://www.icrc.org/web/eng/siteeng0.nsf/htmlall/int-tracing-service-statement-300408

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

2 - I Prezzi dei prodotti alimentari: l’incubo dell’Africa
22 Aprile 2008
Da Markku Niskala, Segretario Generale della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

L'annuncio fatto la settimana scorsa da parte del governo degli Stati Uniti che sbloccava 200 milioni di dollari in aiuti di emergenza per ridurre la cronica penuria alimentare merita di essere lodato da tutti. Questo significa che il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite sarà in grado di procurare prodotti alimentari a quelli che ne hanno maggiormente bisogno, una missione che era stata seriamente compromessa da un raddoppio globale dei prezzi dei prodotti alimentari.

Al tempo stesso dobbiamo cercare anche di guardare oltre al problema così come si manifesta oggi.

Il fatto è che non dobbiamo considerare questa situazione come una crisi. Dobbiamo essere molto preoccupati per quanto sta accadendo, ma qualificando il termine come “crisi” suggeriremmo che le difficoltà siano solo momentanee e che tutto dovrebbe rientrare nella normalità. Non è questo il caso.

In primo luogo, i fattori che contribuiscono all’aumento dei prezzi non scompariranno.

La pressione demografica e l’aumento della domanda nelle economie emergenti come l'India e la Cina continuerà ad aumentare. Le loro popolazioni sono in crescita e consumeranno sempre di più (anche se, a onor del vero, l'aumento dei prezzi influisce tanto sulle comunità vulnerabili di questi paesi come in qualsiasi altro luogo).

I cambiamenti climatici incalzeranno nei prossimi decenni, è in aumento il rischio della mancanza di raccolti e un maggior numero di persone avrà bisogno di aiuto alimentare. In Australia, cinque anni di siccità hanno ridotto di oltre la metà la produzione di grano in questo paese. D'altro lato dell’equatore (e dall'altra parte del mondo), la siccità e l’insufficienza delle precipitazioni stagionali in Africa sub-sahariana renderanno sempre più persone dipendenti dai pubblici poteri e dagli organismi di assistenza per la loro alimentazione di base.

L’aumento della domanda procede di pari passo con il ribasso della produzione.

In secondo luogo la “normale” situazione precedente era tutt’altro che accettabile. Nonostante la comunità internazionale si sia impegnata a ridurre drasticamente l'insicurezza alimentare attraverso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, in Africa e in tutto il mondo, la malnutrizione è attualmente in aumento, sotto l’effetto combinato della povertà, dell'HIV, il cambiamento climatico, i conflitti e dell’ enorme aumento della crescita della popolazione”.

Allora, qual è la soluzione? La verità, naturalmente, è che non esiste una soluzione miracolo. La necessità immediata è quella di mobilitare una risposta efficace a livello mondiale. La Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa lodano il sostegno portato dalla Banca mondiale e dagli Stati Uniti al Programma alimentare mondiale come pure la proposta espressa dal Primo ministro britannico Gordon Brown di affrontare la questione al vertice del G8 in Giappone.

I problemi devono essere affrontati con una prospettiva a lungo termine. Gli obiettivi in materia di biocarburanti devono essere modificati, rivisti i termini degli accordi commerciali e devono essere realizzate banche alimentari più importanti e più efficienti per preservare gli aiuti alimentari dalle schizofreniche fluttuazioni del mercato.

D'altra parte, questi macro-interventi devono anche essere accompagnati da azioni a livello locale. Il recente aumento dei prezzi è soltanto l'ultimo di un lungo elenco di forti scosse che richiedono da parte della Comunità umanitaria di adottare un approccio pratico e localizzato per l’assistenza.

Pensiamo che rafforzando la capacità delle Comunità di produrre o procurarsi localmente i loro prodotti alimentari, si diminuirà la loro dipendenza riguardo all'aiuto alimentare e la loro vulnerabilità all’aumento dei prezzi. Certamente, l'agricoltura è in cambiamento ed alcune Comunità hanno sempre meno acqua a disposizione per irrigare i loro campi. Tuttavia, la situazione non è disperata.

La scorsa settimana, la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, ha lanciato una nuova strategia quinquennale per rafforzare i programmi di sicurezza alimentare in 15 paesi africani. Questo programma da 45 milioni di franchi svizzeri (43,5 milioni di dollari / 28,5 milioni di euro) cercherà di ridurre al minimo alcuni dei fattori che contribuiscono alla insicurezza alimentare - gli stessi fattori che rendono le comunità sensibili alle scosse del mercato – a livello locale

I nostri volontari lavoreranno con le Comunità interessate per stabilire attività agricole sostenibili – identificare tecnologie appropriate, costituire banche di sementi e migliorare la gestione delle sostanze nutrienti organiche. Aumenteranno anche progetti di microfinanza, sistemi d'irrigazione su scala e sistemi comunitari di sorveglianza della sicurezza alimentare.

Questo approccio localizzato e pragmatico può avere un profondo successo. In Lesotho, la Croce Rossa e altri partner hanno aiutato le Comunità vulnerabili a creare giardini mangerecci piantati attorno a serbatoi riempiti di rifiuti organici e spruzzati dalle acque per uso domestico di scarico. Nonostante le loro ridotte dimensioni, i giardini sono molto produttivi, ottenendo notevoli quantità di verdura durante l'anno, indipendentemente dalla quantità delle piogge. La loro facilità d'uso e il valore nutrizionale li rendono perfetti per le famiglie particolarmente vulnerabili

E 'incoraggiante constatare che la sicurezza alimentare sia ormai così importante nell'agenda internazionale. Tuttavia, se vogliamo fare qualcosa di significativo dobbiamo principalmente considerare la questione come una sfida a lungo termine, che fino ad ora non siamo riusciti ad affrontare. Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di promuovere comunità abbastanza forti per resistere a qualsiasi scossa futura. I mercati oscillano, ma le persone non dovrebbero mai soffrire la fame.

Tratto dal sito web della Federazione Internazionale
http://www.ifrc.org/Docs/News/opinion08/08042201/index.asp
http://www.ifrc.org/fr/docs/news/opinion08/08042201/

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

3 - 10/04/08 - Comunicato Stampa
La Federazione Internazionale lancia una nuova strategia quinquennale per la sicurezza alimentare in Africa, concentrata sugli investimenti a lungo termine
Traduzione non ufficiale di Maria Grazia Ianniello

L’investimento a lungo termine nei progetti di sicurezza alimentare in Africa è determinante per la lotta contro alcune delle cause profonde della fame e della malnutrizione, dichiara la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, che lancia una nuova strategia quinquennale per rafforzare i programmi di sicurezza alimentare in 15 paesi africani. Il nuovo piano, annunciato oggi, ad Addis Abeba, in Etiopia, sarà finanziato grazie ad un appello di 45 milioni di franchi svizzeri (43,5 milioni di dollari / 28,5 milioni di euro) nei prossimi cinque anni. I fondi verranno utilizzati per aiutare circa 2,25 milioni di persone, o quasi mezzo milione di famiglie.

Oltre l'80 per cento di questo bilancio sarà destinato direttamente alle attività in loco. Ciò comporterà un sostegno al miglioramento della capacità delle Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa in materia di sviluppo di programmi incentrati sulla sicurezza alimentare, come ad esempio l'agricoltura sostenibile (ivi comprese le attività come ad esempio l'uso di tecnologie appropriate, le banche di sementi e l’ottimizzazione delle sostanze nutrienti organiche), progetti di microfinanziamento, sistemi d'irrigazione su scala e la messa in atto di meccanismi comunitari di sorveglianza della sicurezza alimentare.

"Nonostante la comunità internazionale si sia impegnata a ridurre drasticamente l'insicurezza alimentare attraverso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, la malnutrizione è attualmente in aumento in Africa e in tutto il mondo, sotto l’effetto combinato della povertà, dell'HIV, il cambiamento climatico, i conflitti e dell’ enorme aumento della crescita della popolazione, pertanto è necessario agire ora ", nota Ibrahim Osman, Vice Segretario Generale della Federazione Internazionale.

"Il nostro obiettivo è quello di combattere questa tendenza intensificando significativamente i programmi comunitari della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa sulla sicurezza alimentare in Africa nel corso dei prossimi cinque anni, raggiungendo almeno il 20 per cento delle popolazioni più vulnerabili, e migliorare la loro resistenza e i loro meccanismi di adattamento ", aggiunge Mohammed Mukhier, Capo del Dipartimento delle Politiche e della Preparazione alle catastrofi della Federazione Internazionale."

Per aumentare l’efficacia dei programmi di sicurezza alimentare a lungo termine, questi saranno integrati ai progetti esistenti di cure sanitarie e d'assistenza a livello comunitario - in particolare quelli relativi all'HIV – come pure alle attività d'approvvigionamento di acqua e di risanamento "pur riconoscendo la necessità di aiutare i più vulnerabili nel soddisfare le loro necessità immediate, crediamo che una soluzione duratura per l'insicurezza alimentare in Africa esiga investimenti a lungo termine sia in termini di supporto tecnico al personale locale e ai volontari sia attraverso la protezione delle comunità locali e delle loro condizioni di vita", spiega Mija Ververs, Responsabile della sicurezza alimentare e della nutrizione presso la Federazione, a Ginevra.

Le Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa in Burkina-Faso, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Kenya, Lesotho, Malawi, Mali, Mauritania, Namibia, Niger, Ruanda, Sudan, Swaziland, Uganda e Zambia, si associano a questa nuova strategia.

Per ulteriori informazioni, o per interviste, si prega di contattare:

A Nairobi:
Andrei Neacsu-Engstrand, Responsabile regionale della comunicazione, Tel: + 254 733 63 29 46

A Ginevra:
Jean-Luc Martinage, Responsabile dell’Informazione per l'Africa Tel: + 41 22 730 42 96 / + 41 79 217 33 86

Telefono permanente + 41 79 416 38 81

La Federazione Internazionale che ha base a Ginevra, promuove l'attività umanitaria di 186 Società Nazionali della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa tra le persone vulnerabili. Attraverso il coordinamento internazionale in caso di catastrofe e incoraggiando il sostegno allo sviluppo, mira a prevenire e alleviare le sofferenze umane. La Federazione, le Società Nazionali e il Comitato Internazionale della Croce Rossa insieme, costituiscono il Movimento Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

Tratto dal sito web della Federazione Internazionale
http://www.ifrc.org/Docs/News/pr08/1508.asp

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

4 - Dal Sito www.cri.it
La CRI eletta all'European Red Cross/Red Crescent Youth Cordination Committee
30-04-2008
Si è tenuta dal 22 al 26 aprile 2008 a Tuheljske Toplice, in Croazia, la diciottesima edizione dell’European Red Cross/Red Crescent Youth Cooperation Meeting,  il network delle Componenti Giovanili delle Società Nazionali di Croce Rossa e Mezza Luna Rossa europee. La CRI è stata rappresentata dai Pionieri Rosario Valastro, Vice Ispettore Nazionale e Marilena Musmeci, Delegato Tecnico Nazionale per la Cooperazione Internazionale.
Il meeting, cui hanno preso parte quaranta Società Nazionali, ha focalizzato la sua attenzione sulla strategia internazionale del Movimento, sulle tematiche della salute e delle migrazioni, sulla cooperazione fra Società Nazionali, la diversità e la tolleranza.
Durante l’evento si sono tenute le elezioni per l'European Coordination Committee, nelle quali Rosario Valastro è risultato fra i sette eletti, ottenendo al contempo il maggior numero di preferenze.
Compiti dell’European Coordination Committee, il cui mandato è biennale, sono quelli di promuovere lo scambio di idee ed esperienze, la condivsione di punti di vista sull’aiuto ai vulnerabili, e un più fattivo coinvolgimento della gioventù nel Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.
E’ la prima volta che la CRI entra a far parte del Comitato di Coordinamento. Secondo il Presidente Nazionale, Massimo Barra, l’elezione a questa importante carica “rappresenta non solo il riconosciemento dell'accresciuto impegno della CRI a livello internazionale, ma anche l’alta qualità di quest’ultimo”.

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

5 - « Sarà al Memoriale l’8 maggio più emozionante »
La sera dell’8 maggio 2008 a Solferino

Il Teatro all’aperto è il Memoriale della Croce Rossa internazionale a Solferino, è un incontro che si ripete da diversi anni ormai. Non ha bisogno di grandi preparazioni, grande organizzazione,  è una di quelle cose che funzionano con il passaparola, chi c’è stato una volta fa in modo di non mancare mai e di portarci qualcun altro, per condividere, per fargli un regalo.

Già il  posto è particolare di suo, è unico…….. uno di quei posti che non somigliano a nient’altro e che non si trova da nessun’altra parte……. è il crinale di una delle colline di Solferino, quella che guarda la pianura, laggiù….. a sud….. sotto la Rocca.    Dietro c’è il lago, lo si intravede appena fra gli alberi.

Qui migliaia di soldati si sono uccisi per la libertà di una terra, qui è stato costruito un monumento che, contrariamente alla sua natura statica, si muove…… sì ….. perché ad ogni nuova Società Nazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa che si aggiunge al Movimento, il Memoriale si arricchisce di una pietra con il nome di quella Nazione.  Un luogo di pietra che vive, posto esattamente sopra una terra che ha ricevuto tanto sangue.

Sarà un incontro informale sulla base dello scambio di impressioni e sensazioni, letture di piccoli brani significativi e leggeri intermezzi musicali. Ma nella sua semplicità sarà molto profondo. Chiunque vi partecipa ne uscirà più ricco … sarà la magia che regna su quella collina, saranno i cipressi tesi verso il cielo, sarà la dolcezza dell’ora del tramonto,  sarà l’emozione che ognuno porta con sé e che con simpatia regala agli altri….. sicuramente è un po’ di tutto questo che contribuisce a creare l’atmosfera indimenticabile di quel momento.

E’ organizzato dal Comitato Provinciale della Croce Rossa Italiana di Mantova e fortemente voluto dalla sua Presidente Leda Mazzocchi Persichella.

La partecipazione è libera ed aperta a tutti.

L’appuntamento è alle ore 20,00 - 8 maggio 2008 in Piazza Castello a Solferino

Maria Grazia Baccolo
 
< Prec.   Pros. >

Annunci

GORIZIA 3 febbraio 2018 dalle ore 8,30 alle ore 17,30

Università degli Studi di Trieste sede di GORIZIA

Aula Magna Corso di Laurea Scenze Internazionali e Diplomatiche  Via Alviano 18 Gorizia

Giornata di Studio sul

"Diritto Internazionale Umanitario nel terzo millennio: diplomazia umanitaria e International Disaster Law"

Per informazioni scrivere a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

In allegato pieghevole esplicativo e modulo iscrizione

Comunicato dalla Presidenza CRI Gorizia 

 

PDF
 

Iscriviti

 

Totale iscritti: 1016

Scuole al museo

scuole
amici del museo croce rossa castigione stiviere
 
museo-oltre
Convegno SISM e CRI

Climate Center

CRIVIDEO - SEZIONE DIU

IIHL

IIHL

Int. Tracing Service

its

Darfur Blog

darfur

Sostieni la CRI

Syndicate

WebStaff

Get Firefox!
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.