Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 13 del 18 Dicembre 1998 Stampa E-mail
giovedì 17 dicembre 1998
18 DICEMBRE 1998
nr. 13
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)




----------------------------------------------------------------------------------

1. Auguri
2. ICRC NEWS 50 Traduzione di R.Arnò
3. Rivista Internazionale della Croce Rossa 50 anni della Dichiarazione
Universale dei Diritti dell'Uomo: diritti dell'uomo e Diritto
Internazionale Umanitario - Traduzione di Luigi Micco (Istruttore D.I.U. -
Benevento)
4. Indice Rivista Internazionale della Croce Rossa 1/09/98 n. 831 -
Traduzione di Luigi Micco (Istruttore D.I.U. - Benevento)


------ 1 ------
1- Auguri

Cari AmiciMicr, "Caffè Dunant" è un piccolo contributo che tutti insieme
stiamo regalando alla Società italiana della Croce Rossa. Nato inizialmente
come spazio di comunicazione, ha creato col tempo, al suo interno,
appuntamenti fissi ( le ICRC NEWS, gli Indici della Revue, ecc.ecc.),
modellandosi dinamicamente sulle Vostre proposte. Il numero dei
collaboratori trovati dimostra la voglia di fare che c'è fra di noi,
occorre solo realizzare gli spazi e renderli disponibili.
Ognuno di noi ha il proprio modo di esprimersi nel Movimento: chi guida
un'autoambulanza, chi aiuta una persona anziana, chi diffonde le norme del
D.I.U.. L'importante è che nessuno stia su una torre d'avorio.
L'augurio per il 1999 è che ciascuno di noi continui a lavorare per
l'UMANITA' nella direzione che ha scelto, senza sentire la necessità di
innalzare baluardi. Solo così avremo l'opportunità di essere la FORZA DEL
NUOVO MILLENNIO.

Buon Natale!

Maria Grazia e Valter
------ 2 ------
ICRC NEWS 50

16 dicembre 1998

SOMMARIO

MAROCCO / SAHARA ORIENTALE: IL CICR VISITA I PRIGIONIERI MAROCCHINI
DETENUTI DAL FRONTE POLISARIO:
Tra il 2 e l'8 dicembre, un'équipe del CICR, della quale faceva parte un
medico, ha visitato 1.080 prigionieri Marocchini detenuti dal Fronte
Polisario vicino a Tindouf, in Algeria.

AFGHANISTAN: AIUTI PER L'INVERNO:
Come già negli anni precedenti, il CICR ha messo a punto un programma per
l'assistenza di parte della popolazione di Kabul nel corso di quello che si
preannuncia essere un inverno duro.

AFGHANISTAN: IN SOCCORSO ALLE VITTIME DI ATTACCHI MISSILISTICI A KABUL:
Dopo che, il 13 dicembre, diversi missili hanno colpito una zona
residenziale di Kabul densamente popolata, il CICR ha portato all'ospedale
di Wazir Akbar Khan, che lo stesso CICR sostiene, 10 persone rimaste
ferite. Numerosi altri feriti hanno ricevuto le cure necessarie preso altre
strutture sanitarie.

INDONESIA / TIMOR EST: ADDESTRAMENTO SUL DIRITTO UMANITARIO:
Dal 1° al 9 dicembre, il CICR ha tenuto una serie di esercitazioni sul
diritto internazionale umanitario per 200 ufficiali superiori delle forze
armate Indonesiane di stanza a Timor Est.

CICR: IL BILANCIO PER IL 1999 SUPERA I 600 MILIONI DI FRANCHI SVIZZERI:
Il 14 dicembre, i rappresentanti a Ginevra delle missioni diplomatiche sono
stati invitati al quartier generale del CICR per l'anulare appello al
finanziamento del bilancio.

------ 3 ------

Rivista Internazionale della Croce Rossa
1/09/98 n. 831 pp. 428-438

50 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo: diritti
dell'uomo e Diritto Internazionale Umanitario


Cinquant'anni fa, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Oggi, più che allora,
sappiamo che fu un avvenimento principale per la storia del XX secolo, una
verità "Sternstunde" dell'umanità. Essa continuerà a segnare il mondo con
la sua impronta. In effetti, nessuno, in buona fede, può mai più sottrarsi
a degli obblighi così semplici e fondamentali come per esempio:

"Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della
propria persona."i

"Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o trattamento o a
punizioni crudeli, inumane o degradanti."ii

"Nessun individuo potrà essere arbitrariamente arrestato, detenuto né
esiliato."iii

"Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la
salute propria e della sua famiglia con particolare riguardo
all'alimentazione (...), alle cure mediche (...)."iv

Lontano dall'essere delle semplici esortazioni, queste norme enunciano
degli obblighi che gli Stati si sono impegnati a rispettare. Il preambolo
della Dichiarazione ricorda d'altra parte che:

" (...) gli Stati membri si sono impegnati a perseguire (...) il rispetto e
l'osservanza universale dei diritti dell'uomo (...)"v.

Noi tutti sappiamo che questo "riconoscimento della dignità inerente a
tutti i membri della famiglia umana"vi per molte persone, attualmente, non
è nient'altro che un sogno. Tuttavia, la Dichiarazione Universale del 1948
ha definito per sempre l'obiettivo che bisogna raggiungere, obiettivo che
nessuno oserà più mettere in dubbio.

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo è stata elaborata ed
adottata in seno alle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, a New York. Nello
stesso periodo, a Ginevra, il CICR apportava gli ultimi ritocchi ai
progetti dei testi che, dopo la loro adozione da parte della Conferenza
diplomatica il 12 agosto 1949, sarebbero divenuti le quattro Convenzioni di
Ginevra per la protezione delle vittime della guerra. Questo parallelismo è
sorprendente. Volontà politiche basate su un fine strategico o coincidenza
fortuita? Intenzione di far apparire un legame tra queste due codificazioni
o un puro caso del calendario? In breve, simboli o fatti diversi?

Allo scopo di commemorare il cinquantesimo anniversario dell'adozione della
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, questo numero della Rivista
esplora qualche aspetto del legame tra le codificazioni e la pratica dei
diritti dell'uomo e il Diritto Internazionale Umanitario. Oltre ad una
ricerca originale basata sulla nascita della Dichiarazione Universale e
delle Convenzioni di Ginevra, molti contributi danno la dimostrazione che
oggi, nella pratica internazionale, le interazioni tra i diritti dell'uomo
e il diritto umanitario sono evidenti e numerose. Ciò è vero tanto per
l'elaborazione di nuove regole internazionali che per la loro messa in
opera. In effetti, uno sguardo sulle attività delle Nazioni Unite e delle
organizzazioni regionali europee ed americane in materia di tutela dei
diritti dell'uomo prova che, nell'interpretazione degli obblighi derivanti
da questi strumenti, si tiene spesso conto del Diritto Internazionale
Umanitario.

E' ricordandosi che il diritto internazionale è un insieme, non sempre
coerente, questo è vero, di cui i diritti dell'uomo e il diritto umanitario
fanno parte, che a volte è possibile trovare la giusta ed efficace
soluzione ad un problema umanitario.

E' a tale scopo che i contributi di questo numero, che esaminano dei casi
concreti e tentano di dare delle risposte a delle questioni pratiche,
riportano ai legami tra il Diritto Internazionale Umanitario e i diritti
dell'uomo. Le questioni d'ordine dottrinale, sistematico o filosofico poste
dalla coesistenza di questi due settori nell'ordine giuridico
internazionale non sono state affrontate, ma la Rivista sarà lieta di
continuare la riflessione su questo soggettovii.

Infine, ricordiamo che il CICR aveva pubblicato il testo integrale della
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo nel numero d'aprile del 1949
della Rivista. Questo episodio era stato oggetto di due commenti "visto da
Ginevra". Il CICR diede così seguito ad un desiderio dell'Assemblea
generale delle Nazioni Unite, di contribuire ad "assicurare la diffusione
più ampia" a questo testo fondamentale.
Oggi la Rivista continua in tal senso.

La Rivista


i Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, art. 3
ii ibid., art. 5
iii ibid., art. 9
iv ibid., art. 25, par. 1
v ibid., preambolo, par. 6
vi ibid., preambolo, par. 1
vii Vedere l'ultima pubblicazione nella Rivista che rievoca l'attitudine
del CICR in materia: Louise Doswald-Beck e Sylvain Vité, "Le droit
international humanitaire et le droit des droits de l'homme ", RICR, n.
800, marzo - aprile 1993, p. 99 e segg.

------ 4 ------

Rivista Internazionale della Croce Rossa
1/09/98 n. 831

Rivista Internazionale della Croce Rossa
settembre 1998

EDITORIALE

50 anni della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo: diritti
dell'uomo e Diritto Internazionale Umanitario

Premessa
del giudice Abdul G. Koroma

Premessa
di Daniel Thürer

Relazioni tra il Diritto Internazionale Umanitario e i diritti dell'uomo
Considerazioni sulla storia della Dichiarazione Universale dei Diritti
dell'Uomo e delle Convenzioni di Ginevra
di Robert Kolb

Donne, diritti dell'uomo e Diritto Internazionale Umanitario
di Judith Gardam

La lotta contro la tortura
di Walter Kälin

Colmare la lacuna tra diritti dell'uomo e diritto umanitario: la punizione
dei delinquenti
di John Dugard

Le regole umanitarie minime applicabili in periodo di crisi e tensioni interne
di Djamchid Momtaz

Codificazione delle regole internazionali relative alle persone sfollate
all'interno del loro Paese. Un campo ove le considerazioni concernenti i
diritti dell'uomo e il diritto umanitario sono tenute in conto
di Robert K. Goldman

Principi direttivi relativi allo spostamento delle persone all'interno del
loro Paese. Qualche osservazione sul contributo del Diritto Internazionale
Umanitario
di Jean-Philippe Lavoyer

Tendenze nell'applicazione del Diritto Internazionale Umanitario nel
meccanismo dei diritti dell'uomo delle Nazioni Unite
di Daniel O'Donnell

Commissione interamericana dei diritti dell'uomo e Diritto Internazionale
Umanitario. Commento sul caso Tablada
di Liesbeth Zegveld

La pratica della Commissione e la Corte europea dei diritti dell'uomo in
materia di Diritto Internazionale Umanitario
di Aisling Reidy

Le organizzazioni non governative di difesa dei diritti dell'uomo e il
Diritto Internazionale Umanitario
di Rachel Brett

COMITATO INTERNAZIONALE DELLA CROCE ROSSA

Statuti del Comitato Internazionale della Croce Rossa

Avvenire della Presidenza del CICR

FATTI E DOCUMENTI

Principi direttivi relativi allo spostamento delle persone all'interno del
loro Paese

Convenzione sul divieto d'uso, di stoccaggio, di produzione e di
trasferimento delle mine antipersona e sulla loro distruzione (Trattato di
Ottawa)

CONVENZIONI DI GINEVRA E PROTOCOLLI AGGIUNTIVI

Adesione della Repubblica del Venezuela ai Protocolli aggiuntivi

LIBRI E RIVISTE

Nicholas O. Berry, War and the Red Cross - The unspoken mission, St.
Martin's Press, New York, 1997
di Wilfried Remans

Jirí Toman, La protection des biens culturels en cas de conflit armé,
Parigi, Éditions Unesco, 1994, 490 pagine

Jirí Toman, The protection of cultural property in the event of armed
conflict, Dartmouth Publishing Company, Aldershot/Unesco Publishing,
Parigi, 1996, 525 pagine.

Emmanuelle Stavraki, La Convention pour la protection des biens culturels
en cas de conflit armé, Athènes, Edizioni Ant. N. Sakkoulas, 1996, 306 pagine

Jean A. Konopka (éd.), La protection des biens culturels en temps de guerre
et de paix d'après les conventions internationales (multilatérales),
Ginevra, Stamperie di Versoix, 1997, 163 pagine
di Jean-Marie Henckaerts

Matthias Pape, Humanitäre Intervention: Zur Bedeutung der Menschenrechte in
den Vereinten Nationen, Nomos, Baden-Baden, 1997
di Bardo Fassbender

Relazioni tra il Diritto Internazionale Umanitario e i diritti dell'uomo:
brevi bibliografie

VARIE

Jacques Freymond (1911-1998),
di Jacques Moreillon

Harald Huber (1912-1998),
di Jacques Moreillon

 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.