Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 29 del 27 Maggio 1999 Stampa E-mail
mercoledì 26 maggio 1999
27 MAGGIO 1999
nr. 29
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)




---------------------------------------------------------------------------------- 

 

1- ICRC NEWS in breve nr.20 del 20.5.99 (Traduzione di Luigi Micco)

2- Dichiarazione congiunta dei Consigli CICR e FICRMR sulla Crisi nei Balcani

3- Comunicato stampa nr. 99/30 sull'attivazione di un nuovo sito web CICR per
facilitare i ricongiungimenti familiari Traduzione di Luigi Micco)

4- Relazione IV Meeting Regionale (Lazio) sulla C.R.Internazionale e il
D.I.U.
Aprilia 11.4.99 di Riccardo Brandizzi

5- Elenco degli Stati Parte del Trattato di Ottawa (rif. ultimo paragrafo
articolo sulla prima riunione degli Stati Parte del Trattato, Maputo
maggio 1999) Caffè nr.28.

-------- 1 ---------
ICRC NEWS 20

FEDERAZIONE RUSSA/CAUCASO SETTENTRIONALE:CICR SOSPENDE OPERATO
Facendo seguito al sequestro del delegato del CICR Geraldo Cruz Ribeiro a
Nalchik, in Kabardino-Balkaria, sabato 15 maggio, il CICR ha preso la
decisione di sospendere ogni azione tranne le attività di emergenza
umanitarie nel Caucaso settentrionale in attesa di notizie incoraggianti.

SIERRA LEONE:LA CROCE ROSSA E LA MEZZALUNA ROSSA TORNANO A FREETOWN
I due componenti del Movimento Internazionale della Croce Rossa e della
Mezzaluna Rossa, il Comitato Internazionale della Croce Rossa e la
Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e
Mezzaluna Rosse, insieme sono ritornati in Sierra Leone dal 17 maggio per
riprendere le attività in favore di decine di migliaia di persone bisognose
di un'urgente assistenza.

REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO: LA CROCE ROSSA SEPPELLISCE I MORTI E
ASSISTE LE VITTIME DELLE INCURSIONI AERE IN KIVU ORIENTALE
Da giovedì 13 maggio, la squadra d'emergenza del CICR ha verificato le
necessità delle famiglie direttamente colpite dal bombardamento di martedì
su Goma e Uvira nel Kivu orientale, regione della Repubblica Democratica
del Congo.

SENEGAL: IL CICR AIUTA 10.500 DEPORTATI IN CASAMANCE
In cooperazione con la divisione locale della Croce Rossa Senegalese in
Ziguinchor, il CICR ha distribuito 83.5 tonnellate di riso e miglio a circa
10.500 deportati nel Casamance regione del Senegal dal 11 al 17 maggio.


-------- 2 ---------

Ginevra, 14 maggio 1999

DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEL CONSIGLIO ESECUTIVO DELLA FEDERAZIONE E DEL CICR

Profondamente colpiti dalle conseguenze umanitarie catastrofiche della
crisi nei Balcani e dalle sofferenze fisiche e morali che essa infligge
alle popolazioni che ne sono vittime.

Coscienti della responsabilità che ricade su di loro in queste circostanze
e della grande sfida al quale il Movimento Internazionale della Croce Rossa
e della Mezzaluna Rossa deve rispondere nella sua missione d'assistenza
alle vittime di questi avvenimenti drammatici così come nella sua azione di
protezione.

La Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna
Rossa e il Comitato Internazionale della Croce Rossa fanno un nuovo e
pressante appello ai governi affinchè assumano le gravi responsabilità che
su di loro ricadono perché siano rispettate le norme del Diritto
Internazionale Umanitario ed un accesso generalizzato delle organizzazioni
umanitarie alle vittime,

Fanno ugualmente appello a tutti i responsabili dei governi affinchè
permettano ed appoggino un'assistenza umanitaria generosa e durevole a
tutte le vittime, in particolare ai rifugiati ed alle persone deportate.

Riaffermano la loro ferma volontà a perseguire e sviluppare con tutti i
mezzi, l'azione umanitaria congiunta che il Movimento conduce dal mese di
marzo nella regione.

Rivolgono alle Società di Croce Rossa dei Paesi direttamente colpiti da
questi avvenimenti così come alle loro divisioni e sezioni locali, ai loro
responsabili ed ai loro volontari, così come ai delegati del CICR e della
Federazione Internazionale, un messaggio di ferma e calorosa solidarietà e
d'incoraggiamento. Gli assicurano il loro totale appoggio nelle terribili
prove che conoscono oggi questi Paesi.

Essi esprimono anche la loro gratitudine a tutte le Società Nazionali che
contribuiscono all'azione umanitaria in favore delle vittime di questa
tragedia.


-------- 3 ---------

Comunicato stampa n. 99/ 30

19 maggio 1999

CRISI NEI BALCANI: IL CICR APRE SITO WEB PER I RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI

Oggi il CICR apre un sito Web speciale, come ausilio per il ripristino dei
contatti tra i membri delle famiglie divise dalla crisi nei Balcani. Le
persone ansiose di ritrovare i propri cari possono accedere al sito da
qualsiasi computer collegato a Internet.

Lo scopo di ciò è velocizzare i metodi tradizionali che mettono in contatto
i parenti l'uno con l'altro. È la prima volta che il CICR usa Internet a
questo scopo.

Olga Villarrubia, che gestisce il sito presso la sede centrale del CICR, ha
detto: "L'esodo di così tanta gente in breve tempo verso Paesi dove
Internet è disponibile ed il fatto che molti rifugiati e deportati hanno
familiarità con le moderne tecnologie, ci ha spinto a fare questo passo."

Il CICR ha installato computer con modem da usare per interrogazioni nei
suoi uffici in Albania, Macedonia, Iugoslavia e Bosnia-Herzegovina. Il
servizio è anche disponibile negli uffici delle Società Nazionali di Croce
Rossa e Mezzaluna Rossa di tutti Paesi che hanno ospitato rifugiati.
Personale qualificato sarà a disposizione per dare una mano con il sistema.

Il sito è accessibile all'indirizzo http://www.familylinks.icrc.org, o
attraverso il noto sito Web del CICR: http://www.icrc.org

Ci sono tre possibilità per le persone che desiderano contattare i propri
parenti, che siano albanesi, serbi o d'altra origine etnica:

- se conoscono l'indirizzo della persona che vogliono contattare, possono
compilare una versione elettronica del modulo del "messaggio di Croce
Rossa", che sarà inviato automaticamente alla Società Nazionale della Croce
Rossa o della Mezzaluna Rossa del Paese competente e consegnato di persona
al destinatario;

- se non conoscono l'indirizzo, possono trovarlo consultando un elenco di
persone registrate sul sito;

- se risulta impossibile trovare il nome e l'indirizzo, il richiedente può
registrare le sue informazioni sul sito, nella speranza che saranno
consultate dai propri parenti.

Le usuali regole della Croce Rossa relative alla tutela delle informazioni
personali saranno rispettate. "È completamente a carico dell'individuo
interessato decidere se mettere o non mettere il proprio nome sul sito,"
dice la Sig.ra Villarrubia. "Sarà spiegato chiaramente ai richiedenti che
se lo faranno, i loro nomi saranno resi pubblici."

Per le persone impossibilitate ad usare il servizio elettronico, i mezzi
tradizionali di ripristino dei legami familiari (messaggi di Croce Rosse o
bollettini radio) saranno sempre disponibili in tutti gli uffici del CICR e
delle Società Nazionali.


-------- 4 ---------

Il giorno 11 aprile 1999 si é tenuto, presso la delegazione CRI di Aprilia,
il 4ª Meeting Regionale sulla Croce Rossa Internazionale e sul Diritto
Internazionale Umanitario.
La manifestazione é stata organizzata con lo scopo di fornire, a tutti
coloro che si battono quotidianamente per il rispetto dei diritti umani, un
quadro sulla legislazione internazionale e sui possibili profili
d'intervento attuabili in situazioni reali.
I lavori, che hanno visto la partecipazione di una significativa
rappresentanza di tutte le Componenti della Croce Rossa, sono stati aperti
dall'avv. Franco Ciufo, Presidente del Comitato Provinciale di Latina che,
nell'esprimere la propria soddisfazione per l'iniziativa, ha fatto il punto
sulle attività di soccorso organizzate in sede locale in favore delle
popolazioni balcaniche.
Nel corso del meeting, si sono succeduti gli intervenuti delle VdS Barbara
Scolart e Loredana Spezzaferro e di S.lla Maria Teresa Cicero Donati, che
hanno riferito, nel complesso, sulla genesi del diritto umanitario e sulle
Convenzioni di Ginevra ed i Protocolli del 1977, con particolare riferimento
alle norme internazionali per la protezione della popolazione civile,
argomento purtroppo di terribile attualità.
In chiusura della manifestazione, é stato comunicato il programma del
prossimo incontro sul Diritto Internazionale Umanitario, dal tema
"Popolazioni in Movimento: Immigrati e Rifugiati".
Eventuali interessati alla manifestazione, che avrà luogo in Frosinone il
29 maggio p.v., anziché, come precedentemente stabilito, il giorno 15,
possono chiedere informazioni ad Andrea Marini, Istruttore di Diritto
Internazionale Umanitario presso il Comitato Provinciale di Frosinone della
Croce Rossa Italiana, al fax 0775.211373.

Riccardo Brandizzi,
DT D.I.U. VdS CRI Morlupo.

-------- 5 ---------

Elenco degli Stati Parte del Trattato di Ottawa

In attach

 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.