Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 81 del 1 febbraio 2002 Stampa E-mail
giovedì 31 gennaio 2002
1 FEBBRAIO 2002
nr. 81
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)




---------------------------------------------------------------------------------- 

1-

ICRC NEWS 5 del 31 gennaio 2002

Notizie in breve

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

 

2-

Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

Comunicato stampa nr. 07/02 Ginevra, Abidjan, 31 gennaio 2002

Appello della Croce Rossa per le vittime dell'esplosione a Lagos

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

 

3-

Museo Internazionalke della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

GINEVRA

E-news N° 5 - del 22 gennaio 2002

Esposizione temporanea dal 23 Gennaio all'11 Agosto 2002

"Insoliti oggetti della Grande Guerra"

100 pezzi della collezione dell' "Historial de la Grande Guerre" di Péronne (Somme - France)

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

1-

ICRC NEWS 5 del 31 gennaio 2002

 

 

Notizie in breve

 

AFGANISTAN

Un'assistenza umanitaria diversificata.

Sakim, Bassura, Mirwais, Nazar, Saif, Abdul non si conoscono. Essi però hanno un punto in comune: sono tutti, in una maniera o nell'altra, vittime del conflitto che ha fatto tremate l'Afganistan nel corso di questi ultimi 20 anni.

 

ISRAELE, i territori occupati e i territori autonomi

Il CICR distribuisce viveri nella vecchia città di Hebron

Hebron, città di circa 150.000 abitanti nel sud della Cisgiordania, è stata sottomessa per mezzo di un accerchiamento a tenaglia dal settembre 2000. Le restrizioni imposte agli spostamenti delle persone e dei beni hanno ridotto in maniera consistente le possibilità di impiego lavorativo, così pure di guadagnare denaro necessario per l'acquisto del cibo.

 

Conflitto di HAUT-KARABAKH

Riapertura di diversi centri sanitari

Il CICR ha riaperto questa settimana tre centri sanitari nei villaggi di Dolanlar, Khedzaberd e Hin Taghlar della regione di Hadrout (Haut-Karabakh).

 

BOSNIA ERZEGOVINA

Il primo <libro degli oggetti personali > per la Repubblica Srpska

Il CICR ha presentato il primo <libro degli oggetti personali > per la Repubblica Srpska il 25 gennaio a Banja Luka.

 

COSTA d'AVORIO

Statuto della Corte Penale Internazionale: gli Stati dell'Africa dell'Ovest si mobilitano.

Oggi, 31 gennaio, si è compiuto a Abidjian un seminario sulla ratifica e la messa in opera dello Statuto della Corte Penale Internazionale (anche chiamato <Statuto di Roma>).

 

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

 

Nota: possiamo inviare in e-mail, a chi fosse interessato, le notizie complete in lingua francese.

 

@@@@@@@@@@@@@@@@@@

 

 

2-

Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

 

Comunicato stampa nr. 07/02

 

Ginevra, Abidjan, 31 gennaio 2002

 

Appello della Croce Rossa per le vittime dell'esplosione a Lagos

 

La Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ha lanciato un appello di 750.000 franchi svizzeri, per mettere a punto l'operazione di soccorso della Croce Rossa della Nigeria per le vittime dell'esplosione, il 27 gennaio u.s., al deposito di munizioni di Ikeja, il più grande di Lagos. L'enorme deflagrazione ha provocato almeno 600 morti e centinaia di feriti.

 

I fondi serviranno a portare soccorso a 15.000 persone, registrati dalla Croce Rossa come sfollati senza tetto. Le munizioni non-esplose che giacciono ancora sul suolo rappresentano un grave pericolo e nelle prossime tre settimane, il governo nigeriano conta di ospitare i senza tetto e coloro che vivono nella zona colpita in due campi temporanei, allo scopo di pulire la zona.

 

(..)

 

Ad oggi, 1320 bambini hanno ritrovato le loro famiglie, solo tre sono ancora sotto la protezione della croce Rossa. Ma 325 bambini e 180 adulti sono ancora considerati dispersi e altre nuove scomparse sono segnalate. La radio FM locale diffonde le domande d'assistenza alla Croce Rossa per ritrovare i dispersi.

 

(..) M.Abiodun Orebiyi, Segretario generale della croce Rossa Nigeriana, ha dichiarato che nelle prime ore che hanno seguito la catastrofe, sono stati impiegati più di 200 volontari della Croce Rossa. Hanno fornito i primi soccorsi a circa 160 persone e aiutato l'evacuazione di 150 feriti più gravi all'ospedale generale di Ikeja. (...)

 

(...)

 

Gli abitanti di Lagos sono ancora sotto shock per quello che hanno vissuto domenica, Essi non dimenticheranno questi avvenimenti tanto presto, ma essi non dimenticheranno l'azione della Croce Rossa Nigeriana in favore di coloro che sono stati più gravemente colpiti da questa catastrofe. Gli abitanti di Logos contano sulla Croce Rossa per gli aiuti fino a che essi possano ricostruire la loro vita > ha segnalato Bob Storey, capo della delegazione della Federazione Internazionale a Lagos

 

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

 

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

 

 

3-

Museo Internazionalke della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

GINEVRA

E-news N° 5 - del 22 gennaio 2002

Esposizione temporanea dal 23 Gennaio all'11 Agosto 2002

 

Insoliti oggetti della Grande Guerra

100 pezzi della collezione dell' "Historial de la Grande Guerre" di Péronne (Somme - France)

 

"Ricordare, è vivere"

(Les Annales, 14 gennaio 1917)

 

Potrebbero uscire da un inventario alla Prévert: poetica e eteroclito. Che siano militari, utili, decorativi o simbolici, d'origine tedesca, britannica o francese, tutti gli oggetti qui raccolti sono nello stesso tempo riflessi di Storia e tracce di coloro - anonimi e modesti - che l'hanno vissuta.se non subita.

 

Si resta completamente sbigottiti dall'arcaismo medievale di certi pezzi di equipaggiamento, spaventati dall'arma bianca "migliorata", commossi dai giochi "guerrieri" e dalle uniformi ridotte destinate a bambini che tanti padri non avrebbero visto crescere. La semplicità o la cattiveria delle caricature ci divertono. Ma si resta soprattutto colpiti, scossi, da tutti quegli oggetti creati nelle trincee, nei rifugi, negli ospedali, per ingannare l'attesa, l'assenza, la sofferenza e la paura.

 

Anelli di metallo inciso, fondi di obice trasformati in vasi ornati di decori campestri, striscie ricamate con perle, strumenti musicali rudimentali, canne e pipe in legno scolpito, medaglie religiose e statuette, accendini, scatole per sigarette, giocattoli. La creatività e la fantasia dei soldati dei due fronti li unisce nello stesso vitale bisogno dell'espressione, senza che essi lo sappiano. Così, per coloro che hanno praticato, quello che più tardi verrà chiamato "l'arte della trincea", il riutilizzare i residui del materiale di guerra è stato molto più che farne dei ricordi per i propri cari, degli oggetti spiritosi o del bricolage inspirato: è stato farli diventare proclama di vita.

 

Il valore storico e archeologico di questi pezzi è importante, ma quello che, senza dubbio, colpirà maggiormente il visitatore, è il loro potere di suggestione, la loro umanità, e la maniera con cui - quattro generazioni e più di 80 anni dopo - essi entrano in noi come segni di dignità, fraternità e di speranza.

 

Si ritrova qui la stessa inventiva, la stessa diversità, la stessa urgenza che negli oggetti fabbricati dai prigionieri visitati dai delegati del CICR e che fanno parte della collezione permanente del Museo. Essi provocano in noi la stessa emozione, la stessa compassione e la stessa riconoscenza.

 

Ulteriori informazioni:

http://www.micr.org/f/exhib/explore_objets_fl.html

 

 

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo
 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.