Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 112 del gennaio 2003 Stampa E-mail
venerdì 24 gennaio 2003
nr. 112
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)

----------------------------------------------------------------------------------

1
CICR news n. 07 del 15 gennaio 2003
”Costa d'Avorio <La Croce-Rossa su nuovi fronti>”
Traduzione non ufficiale di Monica Benoldi e Roberto Arnò
2
CICR news nr. 08 del 16 gennaio 2003
Etiopia: aiuti alle persone sfollate
Traduzione non ufficiale di Luigi Micco
3
CICR news nr. 9 del 21 gennaio 2003
Sudan: il CICR ricongiunge i bambini alle rispettive famiglie
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo
4
CICR news nr. 10 del 21 gennaio 2003
Costa D’Avorio: La Croce Rossa si riunisce a Korhogo
Traduzione non ufficiale di Luigi Micco
5
CICR news nr. 11 del 22 gennaio 2003
Etiopia: continuano le distribuzioni di soccorso alimentare
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

1 - CICR News n. 07 del 15 gennaio 2003
”Costa d'Avorio <La Croce-Rossa su nuovi fronti>”
Traduzione non ufficiale di Monica Benoldi e Roberto Arnò

A seguito dell'apertura di un fronte ribelle nell'ovest del paese, un'équipe del CICR, con base a Man, ha ricevuto le garanzie di sicurezza che le hanno permesso di effettuare una
prima missione di valutazione a Danané, città situata alla frontiera con la Liberia.
L'azione dei volontari di Croce-Rossa della Costa d'Avorio e del personale medico, impiegato nell'ospedale, è stata rinforzata dall'arrivo di materiale sanitario.
A Daloa, la clinica mobile della Croce-Rossa locale ha fornito cure a più di 1.200 persone dislocate in divese località, vicine alla linea del fronte quali Bonoufla e Zahibo.
Al fine di migliorare le condizioni igieniche e l'accesso all'acqua potabile delle popolazioni rifugiate, la Croce-Rossa ha disinfettato una cinquantina di pozzi e costruito sei blocchi sanitari comprendenti ciascuno latrine e doccie, così come le fosse settiche necessarie.
Oltre a questa azione primaria per la salute pubblica, il CICR ha ottenuto l'autorizzazione a visitare i luoghi di detenzione che rientrano sotto l'autorità dei Ministeri della Difesa, della Giustizia e degli Interni, per verificare che, durante tutti gli stadi della loro incarcerazione, ai detenuti venga garantita l'integrità fisica.

2 - Comunicato stampa n° 03/08 del 16 gennaio 2003
Etiopia: aiuti alle persone sfollate
Traduzione non ufficiale di Luigi Micco

In questi ultimi giorni, i collaboratori ed i volontari della delegazione di Bale della Croce Rossa Etiope hanno distribuito dei soccorsi non alimentari di emergenza, con l'aiuto del personale del CICR, ad oltre 36 000 persone sfollate nella zona di Bale della regione di Oromia.
I beneficiari avevano lasciato le condizioni di vita difficile nella zona occidentale ed orientale di Hararghe e di Arsi, colpiti dalla siccità. Queste terre basse della regione di Oromia mancano difatti, di terre coltivabili. Nella zona di Bale, numerose persone sfollate hanno trovato un riparo, ma sono lontane di ogni struttura medica. Per ora, il governo etiope si occupa di fornire loro delle cure mediche e delle razioni alimentari mensili, cercando nel frattempo una soluzione duratura.
L'obiettivo di questa operazione di soccorso era di alleviare le sofferenze, in special modo alle parecchie migliaia di donne, di bambini e di persone anziane che sono particolarmente vulnerabili così lontane dal proprio focolare. Ogni famiglia ha ricevuto così delle coperte, delle casseruole, del sapone, delle taniche e dei teloni. È questo un esempio di una delle numerose attività che la Croce Rossa conduce in modo costante in tutto il Paese.

Per maggiori notizie:
Emret Hege Egziabher, Croce Rossa etiope, tel. : ++25 11 15 31 39
Gianni Volpin, CICR Addis Abeba, tel. : ++25 11 51 83 66

3- CICR NEWS nr. 9 del 21 gennaio 2003
Sudan: il CICR ricongiunge i bambini alle rispettive famiglie
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

La delegazione del CICR in Sudan ha organizzato il ritorno in aereo di cinque bambini di Malakal, provincia di Haut-Nil verso Pochalla, provincia di Jonglei, dove si sono riuniti con le loro famiglie dopo tre anni e mezzo di separazione.
I bambini della tribù di Annak erano stati prelevati nel 1999 nei dintorni di Pochalla, regione controllata dal Movimento Popolare di Liberazione del Sudan (SPLM). Nel maggio 2000, essi erano stati ritrovati a Pibor e sistemati in due famiglie d’accoglienza a Malakal, zona nelle mani del governo.
Una volta rintracciati i loro parenti, il CICR, con il consenso di tutte le persone coinvolte, ha accompagnato i bambini il 12 gennaio da Malakal a Kartum. La mattina seguente, essi hanno proseguito il loro viaggio verso Lokichokio (Kenya), da dove nel pomeriggio hanno viaggiato in aereo verso Pochalla.
La dispersione dei membri della stessa famiglia, a causa dei combattimenti, è uno degli aspetti più dolorosi di un conflitto, qualunque esso sia.
E’ la prima volta, da numerosi anni, che il CICR viene autorizzato ad organizzare un ricongiungimento familiare da una parte e dall’altra delle linee che separano le regioni sotto il controllo del governo da quelle delle zone nelle mani del SPLM.

4 - CICR news nr. 10 del 21 gennaio 2003
Costa D’Avorio: La Croce Rossa si riunisce a Korhogo
Traduzione non ufficiale di Luigi Micco

Il 16 e 17 gennaio scorso, la Croce Rossa della Costa D’Avorio e il CICR hanno organizzato a Korhogo un seminario di coordinamento e formazione per i responsabili locali di Bouaké, Boundiali, Danané, Ferkessédougou, Gagnoa, Korhogo, Man, Odienné e Sipilou. Il seminario si è interessato della situazione umanitaria nelle regioni a ovest e a nord del Paese e sui metodi per rispondere ai bisogni più urgenti.
Tutti i partecipanti hanno espresso la propria determinazione a preservare l’unità della Croce Rossa in questo momento di crisi che divide la Costa D’Avorio.
La Croce Rossa della Costa D’Avorio conta 39 comitati locali ed opera da oltre 40 anni in favore della popolazione. Dall’inizio della crisi, in cooperazione con il CICR, molti volontari si sono mobilitati per soccorrere le vittime.
Per maggiori informazioni:
Simon Plüss, CICR Abidjan, tel. : ++ 225 224 000 70

 

5- CICR NEWS nr. 11 del 22 gennaio 2003
Etiopia: continuano le distribuzioni di soccorso alimentare
Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

Il CICR e la Croce Rossa etiope hanno riattivato una terza serie di distribuzioni di soccorso alimentari per circa 112.000 persone, principalmente per i pastori nomadi, nei differenti luoghi dell’Afar Regional State e del Somali Regional State.
La prima distribuzione è avvenuta nell’ottobre scorso, nell’ambito di una operazione volta ad aiutare i membri vulnerabili della società a riprendersi dagli effetti di una prolungata stagione di siccità, ed in particolare per le importanti perdite di bestiame, principale risorsa economica della popolazione.
Malgrado alcune difficoltà logistiche quali, il cattivo stato delle strade e le lunghe distanze che tante persone devono percorrere per raggiungere il punto di distribuzione, le prime due distribuzioni – in totale, 2500 tonnellate di grano, 820 tonnellate di alimenti ricchi di proteine e 400.000 litri di olio vegetale – sono state organizzate con successo.
Nel mese di febbraio, il CICR e la Croce Rossa etiope estenderanno questa operazione di soccorso ad altre parti del paese. Più di 700.000 persone, private di tutto, delle zone colpite dalla siccità riceveranno alimenti e sementi. Questo permetterà, da una parte, di evitare la carestia e, d’altra parte di ristabilire la loro autosufficienza nel momento in cui inizierà la stagione delle piogge.
 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.