Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 153 del 16 Settembre 2003 Stampa E-mail
lunedì 15 settembre 2003
16 settembre 2003
nr. 153
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)


Questo numero è inviato a nr. 862 indirizzi e-mail


----------------------------------------------------------------------------------

1- CICR Comunicato Stampa n° 64 del 15 settembre 2003
Importante riunione sulle mine antipersona

2- CICRNews n° 105 del 12 settembre 2003
Etiopia : assistenza alle famiglie che hanno riconquistato Zalambessa (in breve)

3- CICRNews n° 106 del 12 septembre 2003
Repubblica democratica del Congo : approvvigionamento di acqua potabile per 15.000 persone (in breve)

4-CICR News n° 107 del 15 septembre 2003
America Latina : corso sul giornalismo in tempo di conflitto armato (in breve)

5- CICR News n° 108 del 15 settembre 2003
Assistenza nell’ovest della Costa d’Avorio (in breve)

6- Federazione Internazionale nr 68 del 8 settembre 2003
Iraq : lancio di un appello per finanziare servizi di sanità e per ricostruire la Mezzaluna Rossa, componente chiave della società civile. (in breve)

7- Federazione 67 - Pechino – Ginevra, 5 settembre 2003
Cina : circa cinque milioni di persone colpite dalle inondazioni nella provincia di Shaanxi (in breve)

8- CICR News n° 104 del 2 settembre 2003
Repubblica democratica del Congo : di nuovo insieme.

9- Federazione « nouvelles » nr. 18 del 4 septembre 2003 (in breve)
Attivazione di un servizio software di logistica umanitaria
Lotta contro la « dengue » in Cambogia
Mobilizzazione della Mezzaluna Rossa dell’Iraq dopo l’attentato di Najaf
La Mezzaluna Rossa algerina si prepara a rialloggiare le vittime del sisma
I governi asiatici chiamati a rivedere le loro politiche contro l’AIDS
Inquetudine sulla sorte dello sviluppo dei piccoli Stati insulari


Tutte le traduzioni non ufficiali, di questo numero, sono di M.Grazia Baccolo.

10- Croce Rossa Italiana Comitato di Caravaggio 1988-2003
VI Giornata di Studio sul Diritto Internazionale Umanitario
“L’azione della Croce Rossa in Favore dei Rifugiati e delle Popolazioni Civili”
27 settembre 2003 – Auditorio “Banca Credito Cooperativo di Caravaggio”
Via Bernardo da Caravaggio,1 – Caravaggio (BG)

1- CICR Comunicato Stampa n° 64 del 15 settembre 2003
Importante riunione sulle mine antipersona


Ginevra (CICR) – Sei anni fa, l’adozione della Convenzione sul divieto delle mine antipersona suscitava immense speranze in seno delle comunità colpite dalle mine, nel mondo. Questa Convenzione portava con sè, in effetti, una promessa di una vita più sicura, dove la paura di essere ucciso o mutilato dalle mine che infestavano i campi, i pascoli, i sentieri e i terreni di gioco non esistesse più.
Dal 15 al 19 settembre 2003, si tiene a Bangkok (Tailandia) la quinta riunione degli Stati parte della Convenzione sul divieto dell’impiego, dello stoccaggio, della produzione e del trasferimento delle mine antipersona e sulla loro distruzione (conosciuta anche sotto il nome di trattato di Ottawa). Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) si unirà ai rappresentanti degli Stati parte, della Campagna internazionale per il divieto delle mine terrestri, degli organismi internazionali e delle istituzioni delle Nazioni Unite per fare un bilancio riguardo i progressi già realizzati ed analizzare le sfide ancora da rilevare per porre termine alle mine antipersonali.
La riunione si tiene in un momento cruciale. Dovrebbe nello specifico incitare i governi che partecipano alla prima Conferenza d’esame della Convenzione, alla fine dell’anno 2003, a rinnovare l’impegno che essi si sono presi, ovvero mettere in opera, pienamente, le disposizioni di questo trattato mel corso degli anni a venire.
Progressi considerevoli sono stati portati a termine dopo l’adozione della Convenzione nel Dicembre 1997. Ad oggi, 136 Stati hanno ratificato la Convenzione ohanno aderito, l’ultimo in ordine di data è stato Belarius, il 3 settembre. Gli Stati hanno distrutto più di 30 milioni di mine antipersona stoccate sul loro territorio. Le operazioni di sminamento sono in corso nella gran parte dei paesi infestati dalle mine attraverso il mondo. Quello che è ancora più importante, è che laddove le disposizioni della Convenzione sono rispettate, molte vite sono salvate e i mezzi di esistenza sono preservati. Questo è il caso della Bosmia Erzegovina, la Cambogia e la Croazia, dove il numero anuale delle vittime da mine è diminuito di almeno due terzi.
Questi ragguardevoli progressi meritano senz’altro di essere salutati, ma sono una magra consolazione per le decine di migliaia di persone civili che continuano a vivere sotto la minacia delle mine. Nel corso dei prossimi anni, gli Stati avranno la possibilità di mostrare che essi vogliono e possono liberare il mondo dal flagello delle mine. Dovranno essere fatti grandi sforzi ed un aumento di risorse, se si vuole arrivare all’obbiettivo umanitario essenziale della Convenzione e si dovrà rispettare le scadenze fissate per distruggere la maggior parte degli stock di mine da qui al 2004 e sminare la maggioranza delle regioni infestate da qui al 2009. Il CICR si attende, dunque, che dalla riunione di Bangkok vengano incoraggiati tutti gli Stati parte ad annunciarrre chiaramente le loro intenzioni ed il loro impegno prima della Conferenza d’esame del 2004.
La realizzazione delle speranze, che la Convenzione ha suscitato in seno alle comunità colpite dalle mine, potrebbe dipendere dai risultati della riunione di Bangkok ed anche dalla Conferenza d’esame.

Informazioni complémentari : Camila Waszink, CICR Genève, tél. : ++41 22 730 26 42


2- CICRNews n° 105 del 12 settembre 2003
Etiopia : assistenza alle famiglie che hanno riconquistato Zalambessa (in breve)


Quattro camion carichi di migliaia di coperture di plastica e di coperte sono arrivate a Zalambessa, una città situata alla frontiera fra l’Etiopia e l’Eritrea, distrurra durante il conflitto che ha opposto i due paesi. Le prime 1200 famiglie che rientrano per ricostruire le loro case utilizzeranno queste coperture per fare dei ricoveri provvisori.
Il CICR e la Croce Rossa etiope forniscono anche tende che saranno utilizzate per organizzare un dispensario e per alloggiare il personale medico del Ministero della Salute, così come le barelle e delle attrezature mediche che potranno coprire i bisogni di 10.000 persone durante tre mesi . (….)



3- CICRNews n° 106 del 12 septembre 2003
Repubblica democratica del Congo : approvvigionamento di acqua potabile per 15.000 persone (in breve)

Il CICR ha proceduto il 10 settembre all’inaugurazione di un progetto di distribuzione dell’ acqua a Uvira, nella provincia del Sud-Kivu (est del paese). La cerimonia ha segnato la fine dei lavori avviati nel settembre 2001 per assicurare a 15000 persone un migliore approvvigionamento di acqua potabile.
Il sistema di distribuuine messo in servizio nel 1958 per il quartiere di Kalundu non funzionava più dal 1991, in seguito ad un importate frana su una montagna a sud di Uviva. Poi, il quartiere era stato isolato dalla rete e la popolazione era obligata di approviggionarsi dal lago Tanganyka o dalla riviera Kalimabenge. (….)



4- CICR News n° 107 del 15 septembre 2003
America Latina : corso sul giornalismo in tempo di conflitto armato (in breve)


Oggi, 15 settembre, inizia la terza edizione del corso sul < il giornalismo in tempo di conflitto armato> a cui parteciperanno 180 giornalisti e studenti in giornalismo dell’Argentina, Bolovia, Brasile, Cile, Messico, Paraguay e Perù.
Il corso ha un carattere informativo, sarà disponibile per un mese sulla piattaforma tecnologica di una impresa specalizzata questo tipo di formazione. La sua durata varia da 10 a 20 ore, dipende dall’interesse che ogni studente ha di approfondire i soggetti proposti. Citiamo, nei temi affrontati, la protezione e l’assistenza che sono rivolte alle vittime dei conflitti armeti attraverso la messa in opera del diritto internazionale umanitario, la responsabilità dei giornalisti nella copertura delle situazioni di violazione delle regole umanitarie e la protezione che il CICR offre ai giornalisti in missioni pericolose. (…..)


5- CICR News n° 108 del 15 settembre 2003
Assistenza nell’ovest della Costa d’Avorio (in breve)

Il CICR ha lanciato un importate operazione di soccorso nelle zone dell’ovest della Costa d’Avorio dove le popolazioni civili sono state direttamente colpite dal conflitto. Sono stati portati degli articoli di prima necessità agli abitanti di circa 160 villaggi che si sono in parte vuotati dalla loro popolazione all’inizio di quest’anno. Dopo aver passato diversi mesi nella savana o presso familiari, gli sfollati si riappropriano del loro villaggio d’origine, dove si sono attivati a ricostruire le case ed a rilanciare le coltivazioni.
Per facilitare la reinstallazione, il CICR, ha distribuito a più di 90.000 persone del sapone, delle coperture, delle coperte, delle tovaglie, degli attrezzi da cucina, dei secchi, degli abiti e, in certi villaggi scelti, degli utensili. L’assistenza si è concentrata nel distretto di Toulepleu e le sotto-prefetture di Zouhan Hounien, Bin Houyé e Tai, che sono situate lungo la frontiera con la Liberia e che sono particolarmente stati colpiti dallo sciacallaggio e dalle distruzioni. Le distribuzioni sono iniziate il 5 agosto e sono ancora in corso. La pioggia ha reso problematico l’accesso a certi villaggi isolati, l’assistenza continuerà durante le prossime settimane. (………….)



6- Federazione Internazionale nr 68 del 8 settembre 2003
Iraq : lancio di un appello per finanziare servizi di sanità e per ricostruire la Mezzaluna Rossa, componente chiave della società civile. (in breve)

La Federazione internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ha lanciato oggi un appello per una somma di 31 milioni di franchi svizzeri al fine di aiutare la Mezzaluna Rossa dell’Iraq a rinforzare le sue strutture e le sue capacità, in particolare nel settore dei servizi di sanità.
Circa un milione di abitanti dei 18 governatorati dell’Iraq beneficeranno di una campagna di lotta contro la diarrea, la malnutrizione e l’AIDS. Gli sforzi rispondono ad una necessità vitale nei paesi nelle cui infrastrutture sanitarie sono state devastate dalle sanzioni economiche e dalla guerra.


7- Federazione 67 - Pechino – Ginevra, 5 settembre 2003
Cina : circa cinque milioni di persone colpite dalle inondazioni nella provincia di Shaanxi (in breve)

Negli ultimi giorni del mese di agosto, la provincia cinese di Sahaanxi ha subito violenti tempeste accompagnate da precipitazioni torrenziali che hanno provocato inondazioni e frane devastatrici.
Queste nuove inondazioni, arrivando un mese dopo la fine normale della stagione delle pioggie in una provincia che, ordinariamente, è piuttosto soggetta alla siccità, sono eccezionali. E’ la seconda volta in 21 anni che il Shaanxi subisce inondaziozni di questo tipo.
In Luglio, inondazioni catastrofiche avevano già devastato 26 provincie del paese e causato il lancio di un appello di 7,9 milioni di franchi svizzeri (USA$ 5,8 milioni) dalla federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Delegati della Federazione hanno effettuato, con la Croce Rossa Cinese, una missione di valutazione nel Shaanxi, dove centinaia di migliaia di abitanti hanno dovuto essere evacuati. Numerosi villaggi e vaste estenzioni di culture sono state sommerse da tre metri d’acqua e la piena ha distrutto diverse dighe.


8- CICR News n° 104 del 2 settembre 2003
Repubblica democratica del Congo : di nuovo insieme.


La delegazione del CICR nella Repubblica dempcratica del Congo (RDC) ha portato a termine il 28 agosto una serie di operazioni realizzate fra l’est e l’ovest del paese per riunire 94 bambini non accompagnati con le loro famiglie.
Dal 17 al 28 agosto, un DC-3 del CICR ha effettuato sei voli fra Goma e Kinshasa, la capitale, ed ha trasportato un totale di 94 bambini (82 di Goma a Kinshasa e 12 nell’altro senso). Il personale della Croce Rossa si era assicurato in precedenza che, i bambini interessati, erano stati debitamente registrati e che lo svolgimento del viaggio era loro gradito.
L’età dei minori varia dagli 11 mesi ai 18 anni, e circa la merà avevano meno di 13 anni. Fra essi si trovava Loleka, cinque anni, la beniamina di 8 bambini, che avevano perduto i genitori poco dopo la nascita. Ella è stata riunita con la sua zia a Kinshasa. Due anni fa, aveva attivato la domanda di ricerca grazie alla quale Loleka ha potuto essere localizata a Kalemie nel Nord-Ktanga. E’ questo un esempio di realizzazione di un sistema di ricerca che, regolarmente, permette di ritrovare persone le cui famiglie sono senza notizie e di scambiare messaggi Croce Rossa fra i membri delle famiglie separate dai combattimenti.
Dall’inizio dell’anno, 650 bambini congolesi sono stati riuniti con i loro parenti. Circa 2000 attendono andora il loro turno.

Informazioni complementari : Elizabeth Twinch, CICR Goma, tél. : ++250 0830 0461




9-Federazione « nouvelles » nr. 18 del 4 septembre 2003 (in breve)

A- Attivazione di un servizio software di logistica umanitaria
B- Lotta contro la « dengue » in Cambogia
C- Mobilizzazione della Mezzaluna Rossa dell’Iraq dopo l’attentato di Najaf
D- La Mezzaluna Rossa algerina si prepara a rialloggiare le vittime del sisma
E- I governi asiatici chiamati a rivedere le loro politiche contro l’AIDS
F- Inquetudine sulla sorte dello sviluppo dei piccoli Stati insulari


***************


A - La messa in servizio di un “software” della logistica umanitaria. (in breve)

Un nuovissimo software della logistica umanitaria, destinato a migliorare la rapidità di esecuzione, la trasparenza e l’effcacia degli interventi di urgenza, è stata inaugurata questa settimana al segretariato della Federazione Internazionale a Ginevra. Basata sulla tecnologia di Internet e concepita dall’Istituto Fritz di San Francisco, questo strumento sarà progressivamente introdotto in tutte le operazioni di soccorso Croce Rossa e Mezaluna Rossa attraverso il mondo. Esso permette di ottenere in tempo reale informazioni sulla disponibilità e sui prezzi degli approviggionamenti alimentari e non alimentari richiesti sul terreno e di mantenere aggiornata la “bilancia” dei bisogni, delle contribuzioni, dei contributi annunciati e gli acquisti effettuati.
Ed in più , tute queste informazioni possono essere ottenute per ogni programma e per ogni articolo particolare. Fondato da Lynn Fritz, che si è fatto una reputazione di primo piano nel settore della logistica commerciale, l’Istituto Fritz ha dedicato , nell’anno scorso più di un milione di dollari e circa 3000 ore di lavoro a valutare i bisogni tecnologici della Federazione internazionale e per mettere a punto il software.


B - Lotta contro la « dengue» in Cambogia (in breve)

Circa 200 volontari della Croce Rossa Cambigiana consacrano attualmente diverse ore al giorno ad informare gli abitanti dei villaggi sulle metodologie di prevenzione e lotta contro la febbre da Dengue. Questa campagna proseguirà fino al raggiungimento dell’obiettivo: arrivare a 186.377 foyers raggruppanti più di un milione di persone in quattro provincie ad alto rischio: Kandal, Takeo, Kampong Cham e Banteay Meanchey.
Si tratta di evitare la ripetizione dell’epidemia del 1998 che aveva infettato 16.200 persone e causato 475 morti. Quest’anno, fra gennaio e luglio, si sono registrati 8167 casi di cui 124 mortali nelle 24 provincie del paese. “ Il virus della “dengue” è trasmesso dalle zanzare Aedes aegypti che prolifera nelle acque stagnanti », spiega Hum Sophon, incaricato del programma presso la Croce Rossa Cambogiana. “ A causa del virus e della mancanza di antibiotici specifici e tenendo conto della gravità di questa malattia, la prevenzione constituisce la misura pù efficace.” Le quattro provincie interessate dalla campagna della Croce Rossa sono quelle che sono state le più colpite dall’epidemia del 1998.


C - Mobilitazione della Mezzaluna Rossa dell’Iraq dopo l’attentato di Hajaf. (in breve)

I Volontari della Mezzaluna Rossa dell’Iraq sono stati i primi a prtare soccorso alle vittime dell’attentato provocato dall’auto-bomba che ha causato 120 morti e decine di feriti presso la moschea di Najaf. Una ventina di loro erano in preghiera all’interno dell’edificio quando la bomba è esplosa venerdì 29 agosto. Essi hanno immediatamente organizzato iprimi soccorsi ai feriti, aiutato a trasportare i feriti più gravi all’ospedale e hanno donato il sangue. La sezione locale della Mezzaluna Rossa ha inoltre fornito ai quattro ospedali che hanno ricevuto i feriti, farmaci e strumentazioni medice e del cibo.

D - La Mezzaluna Rossa algerina si prepara a riorganizzare gli alloggi le vittime del sisma (in breve)

La Mezzaluna Rossa algerina molto presto si occupoerà della prima fase del programma di riorganizzo degli alloggi per le vittime del terribile sisma che ha devastato il nord del paese il 21 maggio scorso, provocando 3000 morti, circa 10000 feriti e quasi 180.000 senza tetto. A metà settembre, 16000 famiglie che attualmente risiedono negli accampamenti, si trasferiranno in case prefabbricate installate a titolo provvisorio dal governo in diversi siti della regione colpita. La Società nazionale si incaricherà di trasferire le persone nei nuovi alloggi e distribuirà loro articoli di prima necessità come coperture, materassi e utensili di cucina.


E - I governi asiatici vengono richiamati a rivedere la loro politica contro l’AIDS (in breve)

La federazione internazionale ha fatto un appello affinchè vengano riviste le politiche di lotta contro l’AIDS in Asia. In una dichiarazione destinata alla riunione del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia e il Pacifico tenuta questa settimana a Bangko, Vimala Ramalingam, Segretario Generale della Croce Rossa dell’India, ha sottolineato “l’urgente necessità per i numerosi governi di rivedere le loro strategie di lotta contro la pandemia dell’AIDS”, al prezzo di misure impopolari. “Politiche che, deliberatamente o no, spingono nella merginalità le popolazioni vulnerabili colpite dall’AIDS rischiano di arrivare ad una rammatica crisi di sanità pubblica. E’ per questo che facciamo appello a tutti i governi affinchè favoriscano la più grande trasparenza a questo soggetto e di prestare attenzione a questo problema con coraggio e determinazione” ha dichiarato.



F - Inquetudine sulla sorte dello sviluppo dei piccoli Stati insulari (in breve)

Questa settimana, la Federazione Internazionale ha trasmesso alla Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia e il Pacifico una dichiarazione sulla vulnerabilità dei piccoli Stati insulari nel loro sviluppo e altri paesi resi fragili dal loro isolamento geografico. La Federazione internazionale è impegnata nella preparazione di una riunione internazionale su questo soggetto che avrà luogo nel mese di agosto del 2004 a Maurice. “ Noi speriamo che tutti i governi, in particolare i paesi interessati ed i paesi che sono nella posizione per aiutarli, porteranno una speciale attenzione alle difficoltà che derivano dalla lontananza e l’isolamento geografico” sottolinea la dichiarazione della Federazione Internazionale.


10- Croce Rossa Italiana Comitato di Caravaggio 1988-2003
VI Giornata di Studio sul Diritto Internazionale Umanitario
“L’azione della Croce Rossa in Favore dei Rifugiati e delle Popolazioni Civili”
27 settembre 2003 – Auditorio “Banca Credito Cooperativo di Caravaggio”
Via Bernardo da Caravaggio,1 – Caravaggio (BG)


PROGRAMMA

09,30 – 09,45 Registrazione partecipanti

09,45 – 10,00 Saluto del Commissario del Comitato Provinciale di Bergamo

10,00 – 10,15 Introduzione, Marcello Moro Istruttore DIU

10,15 – 10,45 “Il mandato del Movimento Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa per la protezione dei rifugiati” Robbie Thompson – Refugee Advisor della Federazione Internazionale Croce Rossa e Mezzaluna Rossa – Ginevra

10,45 – 11,15 “L’attività dell’ACNUR per i rifugiati”
Laura Boldrini – Portavoce dell’Alto Commissariato dell’ONU per Rifugiati (ACNUR)

11,15 – 11,45 “Immigrazione:cause e problematiche di un fenomeno sociale” –
Don Virginio Colmegna – Delegato Caritas Internationalis

11,45 – 12,15
“La legge sull’immigrazione: sicurezza ed integrazione”
Giuseppe Cono Federico – Prefetto di Bergamo

12,15 – 14,00
Pranzo

14,00 – 17,30 Tavola rotonda: “I sistemi internazionali di protezione per i richiedenti d’asilo ed i rifugiati”, partecipano:
Delegato Internazionale CICR - Rappresentante ACNUR - Rappresentante Ministero dell’Interno
Rappresentante ECHO – Comunità Europea - Delegato Caritas Internationalis -
Rappresentante Comitato Italiano UNICEF - Delegato Internazionale C.R.I.

Moderatore:
Gabriella Venturini Docente Diritto Internazionale – Direttore Dipartimento Studi Internazionali Università Statale
di Milano

16,00 – 16,30 Pausa Caffè

17,30 – 18,00 Chiusura lavori e consegna attestati

per informazioni riguardo all’iscrizione (che è gratuita) e alla logistica rivolgersi a:
CRI – Comitato Caravaggio
Via Circonvallazione Seriola, 60
24043 Caravaggio (BG)

Tel: 0363 52422 - Fax 0363 352154 - e-mail Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.