Home arrow Ricerca per Mese

Cri.it

IFRC

CICR

MICR - Geneve

Museo Castiglione

Il museo su FB


fb

RCRC Magazine

Standing Commission

n° 156 del 09 Ottobre 2003 Stampa E-mail
mercoledì 08 ottobre 2003
9 ottobre 2003
nr. 156
Notiziario a cura del Museo Internazionale Croce Rossa
Castiglione delle Stiviere (MN)


Questo numero è inviato a nr. 869 indirizzi e-mail


----------------------------------------------------------------------------------

1- Il Memoriale inaugurato dopo i lavori
Solferino, cerimonia con 70 austriacci per il monumento della CRI
Elia Botturi (Pubblicato sulla Gazzetta di Mantova del 5 ottobre 2003)

2- Allocuzione di François Musy in rappresentanza di Jakob Kellemberger del C.I.C.R. – Ginevra
All’inaugurazione del Restauro del Memoriale della Croce Rossa di Solferino – 4 ottobre 2003

3- CICRnews nr. 119 del 3 settembre 2003
Djibouti : distribuzione di soccorsi d’emergenza
Traduzione non ufficiale di Giuseppe Sonzogni

4- Notizie della Federazione Internazionale 20/2 ottobre 2003
Traduzione non ufficiale di Monica Benoldi

-La Federazione chiama i governi a sostenere il Fondo mondiale contro l'Aids
-Rinforzo della lotta contro l'Aids in Africa
-Un volontario della Croce-Rossa indonesiana morto a causa di uno smottamento
-Violento sisma a Hokkaido
-L'Africa australe si prepara per la Conferenza internazionale
-Nigeria: dopo le inondazioni, il colera
-Drammatica inondazione in Messico
-In India vaste distese ancora sotto le acque
-Coca Cola si unisce alla Croce-Rossa spagnola per aiutare la Guinea-Bissau


5- 6° Corso Regionale Intercomponenti Informativo Di Diu Applicabile Ai Conflitti Armati –Emilia Romagna
24 – 25 – 26 Ottobre 2003
Presso Scuola Allievi Agenti Di Polizia Di Stato Viale Malta N° 11 - PIACENZA
Comunicatoci da Carlo De Asmundis
1- Il Memoriale inaugurato dopo i lavori.
Solferino, cerimonia con 70 austriacci per il monumento della CRI


E’ stata una celebrazione molto sentita e partecipata, quella dell’inaugurazione del Memoriale rinnovato.
Settanta volontari della Croce Rossa Austriaca, infatti hanno sistemato il monumento che costudisce la memoria del sodalizio fondato da Henry Dunant.
Una settimana di permanenza a Solferino, tremila ore di lavoro per restituire un luogo che è tornato agli antichi splendori. E venerdì sera il pubblico ha potuto assistere ad un pregevole concerto a loro dedicato nella chiesa parrocchiale di S.Nicola. La cerimonia che si è svolta sabato 4 ottobre, alla presenza di numerose autorità civili, militari e di Croce Rossa. Il Dr.Pandolfi capo dipartimento Amministrazione e Patrimonio, il colonnello Piero Ridolfi, Ispettore del Corpo Militare, Signora Ludovica Lucifero, Presidente Nazionale Comitato Femminile, Dott.ssa Vittoria Torresi, Delegata Nazionale dei Donatori Sangue, Signora Maria Rosaria Parlanti Commissario Comitato Regionale CRI Lombardia, altri Commissari Regionali CRI del Veneto, Umbria, Toscana, Lazio. Erano rappresentati i Comitati Provinciali di: Mantova e Cremona. L’Amministazione Provinciale era presente con il Presidente Maurizio Fontanili, il Comune di Solferino con il Sindaco Luigi Lonardi e numerosi altri Sindaci, il Presidente del Museo Internazionale della Croce Rossa Guido Stuani, il Presidente della Croce Rossa Austriaca Freddy Mayer, il Segretario dell’Assemblea del Comitato Internazionale Croce Rossa di Ginevra François Musy, il rappresentante della Federazione Internazionale di Ginevra Christofer Lamb, la delegata di Solferino Leda Persichella ed una rappresentanza delle componenti volontarie della Provincia di Mantova: Infermiere Volontarie, Comitato Femminile, Pionieri e Volontari del Soccorso.
C’era anche Huber del Comitato di Salisburgo che ha avuto l’idea di restaurare il Memoriale.
Insomma, un momento di valenza internazionale, con l’accompagnamento della Banda e la benedizione del parroco Don Emilio Gerevini. < Siamo grati ai nostri amici austriaci – ha detto il Sindaco Lonardi – che insieme al Museo Internazionale hanno lavorato per abbellire la sacralità di questo luogo. Il colle dei cipressi dove si trova il Memoriale, è simbolo e faro agli uomini per intraprendere una collaborazione fra le genti del mondo per la pace generale>. Guido Stuani ha posto l’accento sulla sinergia fra Castiglione e Solferino per la custodia del monumento, e sull’importanza dell’intervento austriaco. Il Presidente del Museo ha inoltre annunciato grandi celebrazioni per l’anno prossimo, il 145° anniversario della battaglia di Solferino e S.Martino, in occasione della tradizionale fiaccolata di giugno. Dopo altri interventi ha preso la parola il massimo responsabile della Croce Rossa Austriaca, Freddy Mayer. < Qui dove i nostri soldati combatterono contro di voi per fedeltà e devozione alla patria – ha detto – ora noi abbiamo volontariamente lavorato per sistemare il Memoriale> Di seguito lo stesso Mayer ha conferito la medaglia “Henry Dunant” al Sindaco Lonardi e a Guido Stuani oltre che un cristallo a Mara Tonini del Museo Internazionale. A sua volta Stuani ha donato al presidente della Croce Rossa Austriaca una riproduzione della stampa del Mortier con la mappa secentesca di Castiglione. Il taglio del nastro e la Banda hanno chiuso le celebrazioni.

Elia Botturi
(Tratto dalla Gazzetta di Mantova di domenica 5 ottobre 2003)




2-Allocuzione di François Musy in rappresentanza di Jakob Kellemberger del
C.I.C.R. – Ginevra. All’inaugurazione del Restauro del Memoriale della Croce Rossa di Solferino – 4 ottobre 2003


In rappresentanza del C.I.C.R. e del suo presidente, sono molto onorato ed emozionato di trovarmi qui a Solferino per l’inaugurazione del Memoriale della Croce Rossa.
I volontari della Croce Rossa austriaca hanno restaurato un monumento storico qui a Solferino, luogo della terribile battaglia del 24 giugno 1859 e culla della futura Croce Rossa Internazionale.
Dietro a questo segno ci sono numerose realtà, una di esse è la volontà di numerosi individui di fare dono del loro tempo, dei loro sforzi, delle loro risorse e delle loro idee per il benessere di tutti. I volontari hanno portato un immenso contributo al Movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Il volontario della Croce Rossa non è un volontario come gli altri per due ragioni. La prima è d’ordine dottrinale, la dottrina della Croce Rossa posa sui sette Principi Fondamentali. La seconda è di carattere strutturale, la specificità del volontariato in seno al movimento. Presenti in tutto ll mondo, immersi nelle diverse culture, il volontario risponde a bisogni diversi. Siete voi volontari della Croce Rossa l’Universalità dell’azione umanitaria.
Questo monumento, ringiovanito, sarà il testimone visibile e tangibile dello spirito della Croce Rossa che nacque proprio qui in questi luoghi. Sarà simbolo, per le generazioni future della volontà di rimanere al servizio degli altri, specialmente di coloro che si trovano nel bisogno. Il riconoscimento del C.I.C.R. va a questi volontari che hanno reso possibile questa giornata.
Grazie mille.

François Musy, Segretario dell’Assemblea del C.I.C.R. - Ginevra



3- CICRnews nr. 119 del 3 settembre 2003
Djibouti : distribuzione di soccorsi d’emergenza


Il 29 ed il 30 Settembre la Società di Croce Rossa di Djibouti ed l’ICRC hanno portato a termine una distribuzione straordinaria di aiuti umanitari per quasi 9.000 persone alloggiate nel campo di accoglienza di Aour-Aoussa, circa 100 chilometri a sud ovest della città di Djibouti. Il campo era stato originariamente concepito per accogliere non più di 3.000 persone.

Le 28.6 tonnellate di aiuti, giunti in volo da Nairobi a Djibuti il 28 settembre su due velivoli Antonov, includevano acqua ed equipaggiamenti di purificazione, kit sanitari, taniche, utensili da cucina e sapone.

Le persone ospitate nel campo, provenienti dall’Eritrea, dall’Etiopia, Iraq, Randa, Somalia, Sudan ed Yemen, sono giunte nell’area d’accoglienza nelle ultime settimane, a seguito di un ordine disposto dal governo di Djibuti che ha espulso più di 100.000 immigrati illegali dagli stati confinanti del Corno d’Africa. Un' indagine condotta negli ultimi giorni dall’ICRC ha rilevato l’urgenza di fornire acqua potabile e materiale abitativo.

“In questa terra il colera è endemico e la mancanza di attività sanitarie e di cura nel trattamento dei rifiuti mettevano in primo piano la necessità di prendersi cura della salute pubblica”, ha detto Pascal Cuttat, capo delegazione regionale di Nairobi. “Molte vite sono in gioco e dobbiamo agire velocemente” ha aggiunto.

La distribuzione è stata eseguita in seguito ad una richiesta del Governo di Djibuti, rivolta alla Società Nazionale della Mezzaluna Rossa, di fornire un rifugio dei breve termine nel campo, mentre si trova una soluzione a lungo termine. La Società Nazionale e l’ICRC sono le uniche organizzazioni umanitarie che attualmente stanno fornendo aiuti diversi dal cibo in Aour Aoussar.

Oltre alla distribuzioni di aiuti umanitari, la Mezzaluna Rossa di Djibuti ha in programma di inviare 40 volontari di primo soccorso nel campo.



4- Notizie della Federazione Internazionale 20/2 ottobre 2003

-La Federazione chiama i governi a sostenere il Fondo mondiale contro l'Aids
-Rinforzo della lotta contro l'Aids in Africa
-Un volontario della Croce-Rossa indonesiana ucciso durante uno smottamento
-Violento sisma a Hokkaido
-L'Africa australe si prepara per la Conferenza internazionale
-Nigeria: dopo le inondazioni, il colera
-Drammatica inondazione in Messico
-In India vaste distese ancora sotto le acque
-Coca Cola si unisce alla Croce-Rossa spagnola per aiutare la Guinea-Bissau


La Federazione chiama i governi a sostenere il Fondo mondiale contro l'Aids

Il presidente della Federazione internazionale, Juan Manuel Suarez del Toro, ha chiesto ai governi ad adottare un Quadro di contributi al fine di garantire il buon funzionamento del Fondo mondiale di lotta contro l'Aids, la tubercolosi e la malaria.


Rinforzo della lotta contro l'Aids in Africa

In occasione della 13° Conferenza internazionale sull'Aids e le malattie sessualmente trasmettibili in Africa (ICASA), che si è tenuta dal 21 al 26 settembre a Nairobi, la Federazione internazionale e le Società nazionali del continente africano hanno esaminato un rinforzo delle loro politiche relative al virus dell'Aids. Prima della conferenza, i rappresentanti della Croce-Rossa e della Mezzaluna-Rossa si sono riuniti per due giorni, al fine di procedere allo scambio di esperienze e di formulare delle strategie comuni.


Un volontario della Croce-Rossa indonesiana ucciso durante uno smottamento

Dadi Kusmayadi, un volontario della Croce-Rossa indonesiana di 32 anni, è stato ucciso il 26 settembre da uno
smottamento di rocce, mentre cercava di localizzare dei minatori sepolti da una frana, che ha fatto 5 morti e 6 feriti gravi a Pasir Buncir, nell'isola di Java. Volontario della Società nazionale già a 18 anni, Dadi aveva una grande esperienza in questo tipo di operazioni.


Violento sisma a Hokkaido

Il 26 settembre, l'isola di Hokkaido, nel nord dell'arcipelago giapponese, è stato colpita da un sisma di magnitudo 8 della scala Richter. Diverse scosse di assestamento hanno sorpassato il settimo grado.
Il personale della Croce-Rossa giapponese, ben preparato a questo tipo di catastrofi, si è rapidamente organizzata per coordinare le operazioni di soccorso ed evacuare una parte delle 10.000 persone che erano state invitate a lasciare la loro casa.


L'africa australe si prepara per la Conferenza internazionale

Dieci Società della Croce-Rossa dell'Africa australe si sono riunite la settimana scorsa a Johannesburg, con i loro partner del Movimento, con lo scopo di rinforzare la loro cooperazione nella lotta contro le malattie e le catastrofi naturali.


Nigeria: dopo le inondazioni, il colera.

Lo stato di Zamfara, nel nord-ovest della Nigeria, è toccata da un'epidemia di colera che ha già contaminato più di 3.000 persone e fatto almeno 35 morti. Con l'aiuto della Federazione internazionale, la Croce-Rossa della Nigeria ha immediatamente mobilitato dei volontari formati al primo soccorso, per portare assistenza agli abitanti dei villaggi colpiti, nella regione di Talata Mafara, ma il loro dispiego è stato reso difficile dalle piogge torrenziali e le inondazioni.


Drammatica inondazione in Messico.

Il Messico ha conosciuto le più forti precipitazioni stagionali da numerosi anni a oggi, le quali hanno provocato delle drammatiche inondazioni.
Gli impiegati e i volontari della Croce-Rossa messicana hanno attivamente partecipato alle operazioni di salvataggio, assicurato cure ai feriti, condotto operazioni di valutazione e amministrato alloggi provvisori.


In India, vaste distese sono ancora sotto le acque.

Mentre la stagione dei monsoni volge al termine, gran parte dell'India è ancora sotto l'acqua, più precisamente gli Stati del Bihar, dell'Orissa, dell'Uttar Pradesh, dell'Himachal Pradesh e del Chattisgarh.
Le inondazioni hanno fatto almeno 818 morti e colpito quasi 9 milioni di abitanti del paese, e migliaia di villaggi sono ancora sommersi.


La Coca Cola si unisce alla Croce-Rossa spagnola per aiutare la Guinea-Bissau

La Croce-Rossa spagnola ha firmato con la Fondazione Coca Cola un accordo importante per la fornitura di acqua potabile nella regione rurale della Guinea-Bissau. Nel quadro di questo progetto, dieci pozzi protetti saranno sistemati nella regione d'Oio, con lo scopo di migliorare le condizioni degli abitanti e di ridurre la mortalità conseguente al consumo di acqua contaminata.


Per maggior informazioni: www.ifrc.org/news/



5- 6° Corso Regionale Intercomponenti Informativo Di Diu Applicabile Ai Conflitti Armati –Emilia Romagna
24 – 25 – 26 Ottobre 2003
Presso Scuola Allievi Agenti Di Polizia Di Stato
Viale Malta N° 11 Piacenza


Iscrizioni entro il 20 ottobre per informazioni cell. DTP VDS per il DIU Carla Piana 333.43.76.388. fax 0523.322.668

venerdi’ dalle 15.00 alle 18.00 sabato dalle 9.00 alle 17.00 domenica dalle 9.00 alle 13.00 .

Ci sara’ un test finale e la consegna di un diploma di diffusore diu, con spilla come da ordinanza commissariale n° 7434 del 27 .11.1993 e 2738 del 26.09.1996
 
< Prec.   Pros. >

Scuole al museo

scuole
© 2019 Caffè Dunant
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.